Mandragora: “Juventus? Mi farò trovare pronto”

Un anno ai box per una serie infinita di sfortune: problemi al piede, interventi chirurgici, ricadute. Il passato. Il presente di Rolando Mandragora si chiama Crotone, squadra dove la scorsa estate è arrivato in prestito dalla Juventus: una stagione da protagonista in Serie A, quella del suo riscatto personale, da punto fermo della squadra allenata da Walter Zenga. “Il mister mi ha valorizzato davanti alla difesa, facendomi acquisire centralità nel gioco. Al centro del campo riesco a vedere di più le dinamiche, leggere meglio le intenzioni altrui e rimanere lucido fino alla fine: aspetti fondamentali in questo nostro calcio dinamico, propositivo, atletico e soprattutto tattico”, le parole rilasciate dal centrocampista classe 1997 in un’intervista alla Gazzetta dello Sport. Mandragora parla poi del finale di stagione del Crotone, in piena lotta salvezza: “Non indico percentuali di riuscita, però dico solo che stiamo lavorando come matti per raggiungere l’obiettivo e lo stiamo facendo alla nostra maniera, lavorando sodo e pensando a noi stessi”, le parole del centrocampista rossoblù.

“Mi farò trovare pronto alla decisione della Juventus”

Crotone che domenica affronterà la Lazio allo Scida, con Mandragora che indica uno dei fattori che potrebbero indirizzare il match su un binario positivo per la sua squadra: “L’effetto Scida, quello sì che inciderà. Spero diventi ancora una volta il valore aggiunto, il 12esimo uomo in campo. Dall’inizio ad oggi, nei momenti difficili e in quelli felici, i tifosi non ci hanno mai criticato e noi dobbiamo molto alla nostra gente”, ha ammesso il centrocampista. In prestito al Crotone, ma di proprietà della Juventus. Immancabile dunque un pensiero sul futuro: “Valuteremo a fine campionato il mio futuro, di sicuro mi farò trovare pronto qualunque decisione la Juve prenderà sul mio conto. Ho avuto la fortuna di allenarmi l’estate scorsa con Pjanic, Marchisio e Khedira, prendo spunto da loro. Anche se sto cercando di creare un modello di gioco tutto mio. Nazionale? E’ un sogno che coltivo, non lo nego”, ha concluso Mandragora.

Fonte: SkySport

Commenti