Marani: “Non so se Mancini partirà da Donnarumma”

La Juve vincente ha radici lontane

Per analizzare le “radici” della Juve è necessario partire dal 2010, da quando è passata ad Andrea Agnelli, con lui la squadra ha vinto ormai sette scudetti consecutivi e 4 Coppa Italia. Il management all’inizio ha avuto delle normali difficoltà, ricordo il primo anno con Marotta e Paratici, ma andò già meglio il secondo anno con Conte, un tassello fondamentale nella costruzione della Juventus. I bianconeri si sono costruiti lì. Poi la Juve è stata molto brava a tesaurizzare il vantaggio che aveva sulla concorrenza, anzi, ad aumentarlo. Ogni anno ti dà l’impressione di riuscire a respingere la concorrenza e a dare continuità, dal punto di vista tecnico, di risorse, ma anche da un punto di vista mentale. La finale di Coppa Italia è stata a tratti, il secondo tempo, imbarazzante e delle ultime 4 vittorie, questa è stata senza dubbio la più ampia, indiscussa che la Juve ha fatto. Una prova di forza enorme e totale: è oggettivo, in Italia è la squadra più forte.

Fonte: SkySport

Commenti