Benevento-Genoa LIVE, formazioni ufficiali

FORMAZIONI UFFICIALI

Benevento (4-4-2): Puggioni; Sagna, Djimsiti, Tosca, Letizia; Brignola, Sandro, Viola, Parigini; Diabate, Cataldi.
Genoa (3-5-2): Lamanna; Biraschi, Izzo, El Yamiq; Lazovic, Hiljemark, Cofie, Bertolacci, Omeonga; Medeiros, Lapadula.

STATISTICHE & CURIOSITÀ

Il Benevento ha subito 83 reti in questo campionato: dal ritorno della Serie A a 20 squadre solo il Pescara (84) ne ha incassate di più in una singola stagione. Il Genoa ha già cinque punti in più rispetto alla fine della scorsa Serie A (41 vs 36), frutto anche dei nove punti in più guadagnati in trasferta (20 vs 11) rispetto alla stagione 2016/17. Di fronte la squadra che ha perso più punti da situazioni di vantaggio in questa Serie A (22 il Benevento) e quella che ne ha guadagnati meno una volta sotto nel punteggio (uno il Genoa – al pari con il Verona). Il Benevento è la squadra che in questa Serie A conta più giocatori utilizzati (39) e più marcatori differenti (16). Sia Benevento che Genoa hanno segnato il 28% dei propri gol in questa Serie A nel quarto d’ora finale di partita (entrambe nove su 32), record in percentuale nel campionato in corso. Il Genoa inoltre ha realizzato il 22% delle proprie reti nei primi 15’ di partita (sette su 32), altro record in percentuale nella Serie A 2017/18. La squadra campana ha incassato ben 37 gol nella mezz’ora finale di partita, almeno sette più di ogni altra formazione nell’attuale campionato. Solo Inter e Roma (quattro entrambe) hanno subito meno gol di testa del Genoa in questo campionato (cinque) – dall’altra parte il Benevento è la formazione che ne ha incassati di più con questo fondamentale (17). Il Benevento è la squadra di questo campionato ad aver subito più gol su calcio di rigore (10). Solo uno dei 32 gol del Genoa in questa Serie A è stata realizzata da giocatori del reparto arretrato (Izzo a ottobre contro il Napoli), meno di ogni altra squadra.

STATO DI FORMA

Nelle ultime otto partite del Benevento in Serie A sono stati realizzati 33 gol, in media 4.1 a match. In questi otto match inoltre, i giallorossi non hanno mai ripetuto lo stesso risultato per due gare di fila: l’ultimo incontro si è concluso con una sconfitta contro la SPAL. Nelle ultime tre partite interne di Serie A, il Benevento ha subito ben 10 gol (3.3 di media a match) – in questo parziale i campani hanno raccolto un solo punto (nel 3-3 contro l’Udinese). Il Genoa ha perso tre delle ultime quattro partite di Serie A (nove gol subiti) dopo che era rimasto imbattuto nelle precedenti quattro (2V, 2N – due reti incassate). I rossoblu hanno per le ultime due sfide di campionato per 1-3 e 2-3: è dalla stagione 1992/93 che non incassano almeno tre reti per tre partite di fila nella competizione. I liguri hanno inoltre perso le ultime due trasferte di campionato: in questa Serie A non hanno mai trovato tre sconfitte esterne di fila. Il Genoa inoltre non vince in trasferta da febbraio (vs Chievo): i cinque successi ottenuti lontano dal Ferraris in questa Serie A sono tutti con una sola rete di scarto.

FOCUS GIOCATORI

Ben sette degli otto gol a cui ha preso parte Nicolas Viola in questa Serie A sono arrivati al Vigorito – ha infatti messo lo zampino in tre degli ultimi quattro gol interni dei giallorossi (una rete, due assist). Danilo Cataldi ha vestito la maglia del Genoa per 13 partite nella seconda metà della scorsa Serie A. Il centrocampista, in rientro dalla giornata squalifica, è il giocatore del Benevento che ha tentato più passaggi nella metà campo avversaria in questa Serie A (637). Massimo Coda ha già trovato il gol contro il Genoa in Serie A: era l’ottobre 2014 e vestiva la maglia del Parma. Tutti e quattro i gol di Coda in questo campionato sono arrivati allo stadio Vigorito – due di questi sono arrivati proprio contro l’altra squadra genovese di questa Serie A, la Sampdoria. bato 12 maggio 2018 – 18:00 – 37a Giornata – Serie A 2017/18 Anche per Marco D’Alessandro un gol contro i Grifoni nel massimo campionato: nel maggio 2016 con la maglia dell’Atalanta – l’ex nerazzurro però è sceso in campo (entrando dalla panchina) solo in una delle ultime 12 partite in Serie A del Benevento. Dopo aver realizzato sette gol nelle sue prime sei presenze di Serie A, Cheick Diabaté non è entrato nel tabellino dei marcatori nelle ultime tre apparizioni in ordine di tempo. Nell’ultimo turno di campionato Giuseppe Rossi ha ritrovato il gol nel massimo campionato italiano dopo 1449 giorni dalla sua ultima marcatura: l’ex viola non segna in due presenze di fila nella competizione dal dicembre 2013. Contro la Fiorentina ha ritrovato la rete anche Gianluca Lapadula (a soli due centri dal suo risultato della scorsa Serie A) – tuttavia solo uno dei suoi sei gol in questo campionato è arrivato lontano dal Ferraris. Lapadula è stato l’autore del gol vittoria nella sfida d’andata contro il Benevento – l’ex Milan è il giocatore rossoblu ad aver portato più punti alla propria squadra grazie alle sue reti: sei con sei marcature. La prossima sarà la 50a vittoria per Mattia Perin nella massima serie con la maglia del Genoa (147 presenze totali in rossoblù). Solo Alisson (79%) e Handanovic (77%) hanno una percentuale di parate migliore di Perin (76%) tra i portieri con almeno tre presenze in questa Serie A. Nelle ultime quattro presenze di Serie A, Daniel Bessa ha preso parte attiva a tre reti (due gol, un assist), tante quante quelle a cui aveva partecipato nelle sue restanti 23 apparizioni nella competizione. Dal suo esordio in Serie A, a inizio febbraio, Iuri Medeiros ha già preso parte attiva a tre gol in nove presenze di campionato – i due gol e l’assist realizzati dal classe ’94 sono però tutti arrivati al Ferraris.

ALLENATORI

La sfida d’andata è stato l’unico precedente tra questi due allenatori nella massima serie italiana.

ARBITRI E DISCIPLINA

Daniele Chiffi ha diretto otto partite in Serie A, due in questo campionato. L’unico precedente del Genoa con Chiffi come arbitro è il pareggio 3-3 con il Torino dell’ottobre 2015.

Fonte: SkySport

Commenti