Corriere dello Sport annuncia: “Ancelotti al Napoli, è fatta!”

“Ancelotti, è fatta!”, così titola in home page l’edizione on line de Il Corriere dello Sport, a firma del suo nuovo direttore, Ivan Zazzaroni. Ecco quanto si legge:

“Una voce forte, chiara, decisa mi raggiunge per la seconda volta in poche ore dalla sede del Napoli, e allora non posso fare altro che riportarla: soltanto la permanenza di Sarri che – ricordo – ha ancora due anni di contratto, potrebbe bloccare l’operazione, ma a questo punto è un’eventualità remotissima.

Stento ancora a crederci, lo confesso: ma in tanti anni l’informatore non mi ha mai dato una storta. 

Ho nutrito un sacco di dubbi – manifestandoli a più riprese – sul ritorno di Carlo in Italia e soprattutto sul fatto che potesse accettare il progetto di De Laurentiis: pur ottenendo risultati tecnici e finanziari straordinari, ADL per il calcio non ha mai scialato abbinando la competitività all’equilibrio virtuoso. Tuttavia numerosi elementi mi portano a seguire con convinzione il percorso indicato. Li elenco in ordine sparso:

1 – La soluzione Ancelotti, il grande nome spendibile anche internazionalmente, ricorda quella di Benitez per il dopo Mazzarri. Carlo può anche essere la “civetta” in grado di attrarre giocatori di livello: Rafa portò Reina, Albiol e Callejòn e agevolò l’arrivo di Higuaìn.

2 – A Sarri De Laurentiis non ha mai formalizzato alcuna offerta economica.

3 – Nessun altro tecnico è stato contattato dal presidente che in situazioni simili faceva di solito il giro delle sette chiese.

4 – Sarri e De Laurentiis, al di là delle cose dette pubblicamente (“meglio lasciare quando le cose vanno bene”, risposta: “tempo scaduto”) che portano direttamente alla conclusione del rapporto, sono “distanti” da mesi, per alcuni si mal sopportano.

5 – Ancelotti ha manifestato il desiderio di tornare a lavorare in Italia e al momento non ha altre offerte: aspettava l’Arsenal che però ha fatto altre scelte.

6 – Per settimane un avvocato di Parma ha mantenuto i contatti col Napoli sviluppando la trattativa.

7 – L’estate scorsa ebbi netta la sensazione che Sarri non sarebbe andato oltre la terza – formidabile, peraltro – stagione.

8 – Sarri è un tecnico anomalo: impossibile replicarlo. E allora – questa l’idea di ADL – meglio ripensare il Napoli con altri uomini, altri sistemi, altri contenuti.”

 

Commenti

Questo articolo è stato letto 1384 volte