Scozia, McGowan: cavigliera elettronica in campo

Non è un nome noto alle nostre latitudini quello di Paul McGowan, centrocampista scozzese classe 1987 dalla carriera spesa interamente in patria. Cresciuto nel Celtic senza mai approdare in Nazionale, il 31enne di Bellshill veste dal 2014 la maglia del Dundee FC dopo quattro stagioni spese nel St. Mirren. Casualità o meno, la prima giornata della Scottish Premiership registrava proprio il confronto tra le sue due ultime squadre: un match che ha visto il nostro protagonista cedere per 2-1 di fronte agli ex compagni, neopromossi e trascinati dalla doppietta di Mullen con la complicità del portiere Hamilton. In realtà la notizia non è legata al risultato, piuttosto alla presenza di McGowan in campo per 87 minuti con una cavigliera elettronica come intuibile sotto il calzettone sinistro. Nient’altro che una misura imposta dalla polizia, provvedimento obbligatorio dopo che il mediano scozzese era stato condannato per aver sputato ad un buttafuori. Episodio risalente a maggio all’esterno di un nightclub di Dundee, dove il club teneva la tradizionale festa della società. Lo stesso giocatore ammise il fattaccio rischiando la prigione, decisione poi scongiurata a luglio dalla legge.

Fonte: Sky

Commenti