Il ballo dei debuttanti, Inglese l’unico a segnare

La prima giornata di un nuovo campionato,come spesso accade, racconta tante bugie e qualche verità. Ciò che i tifosi aspettano con ansia però sono le prestazioni dei nuovi acquisti, pronti a migliorare, almeno nell’immaginario di allenatore e dirigenza, la squadra rispetto alla passata stagione. Attese che, in questo caso, non sono state rispettate a pieno. Nel primo turno di Serie A infatti l’unico dei volti nuovi che è riuscito a mettere il proprio timbro nel tabellino dei marcatori è stato Roberto Inglese, trasferitosi solo negli ultimi giorni di mercato dal Napoli al Parma e subito a segno nel debutto contro l’Udinese. E non è stata una rete facile da dimenticare per il neo attaccante gialloblù: una doppia finta da un lato e dall’altro per ubriacare l’avversario e sinistro a incrociare. Questo bellissimo gol e il successivo raddoppio di Barillà sono stati poi vanificati dalla rimonta subita dai friulani, ma ciò non ha cambiato il giudizio sull’ottima prova dell’attaccante ’91, uscito tra gli applausi dei suoi nuovi tifosi, uno dei migliori tra coloro che si sono messi alla prova con una nuova maglia. L’uomo più atteso nel primo weekend di stagione era sicuramente Cristiano Ronaldo e in molti si aspettavano un suo gol nella gara d’esordio. La rete alla fine non è arrivata, ma la prestazione di CR7 è stata più che positiva. Ingabbiato dai difensori del Chievo nel primo tempo, ha goduto di maggiore libertà d’azione nella ripresa quando si è spostato sull’esterno in concomitanza con l’ingresso di Mandzukic. Sulla sinistra il portoghese ha offerto il meglio di sè, aumentando la mole offensiva e lo spazio per i compagni. Non sono mancati i tentativi verso la porta, ma un ottimo Sorrentino e un po’ di imprecisione hanno negato all’ex Real la prima gioia italiana. Più negativa invece la prima in bianconero di Joao Cancelo, travolgente nel primo tempo ma nettamente in calo nella seconda frazione di gioco, quando ha messo in serio pericolo la vittoria della squadra di Allegri provocando ingenuamente il rigore del 2-1, poi trasformato da Giaccherini.

Fonte: SkySport

Commenti