Gasp: “Rammarico, ma possiamo qualificarci”

Il terreno di gioco e l’obiettivo Europa

Ancora una volta a giocare un ruolo determinante sembra essere stato il terreno di gioco del Mapei Stadium, in condizioni sempre più precarie: “Io non voglio attaccarmi al campo perché siamo ospiti di una società che con noi è stata eccezionale – ha aggiunto Gasperini -, purtroppo questo problema è capitato anche a loro e si è visto in campionato. Il campo non è in buone condizioni, ma nonostante questo abbiamo tirato in porta 19 volte”. L’allenatore è poi tornato sull’obiettivo qualificazione da raggiungere: “Ora le partite sono una dietro l’altra quindi bisogna pensare subito a quella successiva con la Roma. Abbiamo detto che la qualificazione sarebbe un grande risultato per noi e ci terrei tantissimo a fare ancora un’esperienza in Europa anche quest’anno. Gli obiettivi si spostano di volta in volta. Ci teniamo molto a fare l’Europa League, l’anno scorso è stata un’esperienza fantastica e il nostro pubblico si esalta particolarmente in Europa. Pensavano di giocare i gironi, poi è cambiato tutto e abbiamo accettato le decisioni. Abbiamo comunque la possibilità di qualificarci e ci proveremo perché adesso è l’obiettivo principale”.

L’inserimento di Rigoni e le condizioni di Ilicic

In chiusura Gasperini ha parlato dell’inserimento dell’ultimo arrivato, Emiliano Rigoni, e delle condizioni di Josip Ilicic. “Rigoni? In Europa non può giocare i preliminari – ha spiegato l’allenatore nerazzurro -, potrà scendere in campo eventualmente ai gironi perché ha giocato con lo Zenit. Ha fatto solo un allenamento con noi e domani inizia in maniera definitiva. Ilicic è uscito dall’ospedale, avrà bisogno di due o tre settimane per tornare con noi. È stata una tegola dura, ma siamo felici che possa tornare presto ad allenarsi. Jospi ci è mancato, ma io voglio fare un elogio ai ragazzi che hanno fatto un’ottima partita. Non sono stati premiati, ma io sono comunque soddisfatto”.

Fonte: SkySport

Commenti

Questo articolo è stato letto 756 volte