Hamsik: “In una partita riuscii a fare 16 gol. A quattro anni già ero iscritto alla scuola calcio”

Il capitano del Napoli, Marek Hamsik, ha rilasciato una lunga intervista al Corriere dello Sport, ecco alcuni passaggi riportati dal sito corrieredellosport.it:

ROMA – Marek Hamsik come ha cominciato a giocare a calcio da bambino? 

«Ero quasi in fasce. A tre, quattro anni ero già iscritto alla scuola calcio. Praticamente la mia vita comincia dando calci a un pallone sui campi dello Jupie Podlavice, in Slovacchia».

Il paese di quanti abitanti era?

«Centomila. Facevamo tornei giovanili e in una partita riuscii a realizzare sedici gol. Avevo undici anni, allora. Quell’anno feci 111 reti in 38 partite. Una media discreta. Ma vivevo per il calcio, già allora».

[…]

Qual è il gol più bello che lei ha fatto nella sua vita? Quello che ricorda con più piacere?

«Quando abbiamo vinto la Coppa Italia contro la Juventus, nel 2012. Una gioia incredibile. E poi quello con il Milan quando attraversai il campo con la palla al piede e poi segnai».

[…]

Quale è il calciatore più intelligente con cui lei ha mai giocato? In campo e nella vita?

«Non ho alcun dubbio: Pepe Reina. Grande cervello, grande persona. Un leader».

Commenti

Questo articolo è stato letto 896 volte