Milan, primo cda “ordinario” aspettando Gazidis

Continuano a normalizzarsi le cose in casa Milan. Se sul campo la squadra di Gattuso continua a lavorare dopo aver mostrato una buona condizione nonostante la sconfitta di Napoli, in società, a cariche ormai definite (anche se non ancora tutte consolidate) c’è stato un primo vero cda in sessione ordinaria. Tre ore alla presenza del presidente Paolo Scaroni, Giorgio Furlani (l’uomo Elliott) e gli altri dirigenti collegati in conference call. Fondamentalmente sono stati due i temi trattati durante la sessione: 1- il capitolo relativo alla UEFA e alla strategia da adottare in caso (molto probabile) di multa, 2- la questione amministratore delegato. Ma andiamo con ordine.

La strategia sulla sanzione dell’Uefa

Dopo aver scongiurato l’esclusione dalle coppe europee dopo la sentenza del Tas che ha riabilitato il club, al Milan verrà quasi certamente comminata una multa legata alla precedente gestione e agli obblighi disattesi da essa (il mancato pareggio di bilancio soprattutto). Dunque si è discusso fondamentalmente della strategia da adottare nei confronti del massimo organismo continentale del calcio e in particolar modo delle linee da seguire in caso di Voluntary o Settlement agreement che verrà proposto all’Uefa.

Il capitolo ad: Gazidis resta favorito

Da risolvere la questione legata alla nomina del futuro amministratore delegato del Milan. Per Elliott Ivan Gazidis (CEO dell’Arsenal) resta comunque la prima scelta. Il club avrà una risposta da Gazidis a inizio settembre. Il Milan tiene comunque in stand by l’alternativa che porta al nome di Umberto Gandini che proprio venerdì vivrà un incrocio particolarissimo nella sfida di San Siro tra Milan e Roma: da ex rossonero ad attuale giallorosso con l’ipotesi di un ritorno a Milano. Ovviamente confermatissime le figure di Scaroni, Leonardo e Maldini.

Fonte: SkySport

Commenti

Questo articolo è stato letto 905 volte