Giampaolo: “Vorrei stadio pieno, ci dà ossigeno”

Archiviato l’ampio successo di Frosinone, per la Sampdoria è tempo di pensare al recupero della prima giornata di campionato. Il match di Marassi contro la Fiorentina era stato rinviato in seguito al tragico crollo del ponte Morandi e in segno di protesta per la data di recupero, i tifosi della curva hanno annunciato che diserteranno lo stadio: “Spero che i nostri tifosi ci siano tutti, anche di più. Dopo la tragedia di Genova avrebbero dovuto fermarsi tutte le squadre e in questo modo la data di domani non sarebbe stata la prima utile per il recupero. Detto questo – ha detto Giampaolo – spero davvero di vedere i tifosi allo stadio perché abbiamo bisogno del loro ossigeno e faccio fatica ad immaginare un Marassi senza la nostra gente”. Parlando della partita, Giampaolo mette in guardia i suoi: “Frosinone è già archiviato. I gol realizzati? Frutto del lavoro in settimana, l’obiettivo è avere ventidue e non solo undici titolari; con la Fiorentina sarà una bella partita, loro giocano un calcio propositivo e non disdegnano l’uno contro uno”.

La Samp è attesa da un tour de force: “Attenzione alle energie”

Quella contro la Fiorentina sarà una tappa di un tour de force che attende la Sampdoria da qui alle prossime settimane: “Non siamo abituati a giocare cinque gare in poco più di due settimane, recuperare poi diventa difficile anche perché noi giochiamo un calcio tecnico e veloce, ad alta intensità. Alla fine di questo ciclo – ha avvertito Giampaolo – potremmo anche accusare un calo, anche se ovviamente spero non sia così”. L’allenatore blucerchiato non si è sbilanciato troppo sulle scelte di formazione, soprattutto a centrocampo: “Ho sei centrocampisti, li sfrutterò tutti in queste due partite che ci attendono: posso attingere da ognuno di loro. Ho tutta la rosa a disposizione, eccetto Regini e Saponara: domani sarà un altro esame di maturità, ma non finiscono mai fino alla fine del campionato. Noi dobbiamo vivere alla giornata”.

Fonte: SkySport

Commenti