Contini: “Tanta rabbia per quell’assist involontario a Giovinco, ma quell’errore ci diede la scossa per vincere contro la Juve”

A Radio Marte nel corso della trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Matteo Contini, ex calciatore attuale allenatore

“Il mio Napoli era giovane e veniva da anni di serie C e serie B e non vedeva l’ora di confrontarsi con le big. Adesso invece ed in pochi anni, è cambiato tutto e il Napoli se la gioca con la migliore. Sento Cannavaro di quella squadra e quest’estate ho rivisto Lavezzi.

Napoli-Parma è la sfida delle mie squadre del cuore. Non andai in Nazionale per poco, ma c’erano giocatori più bravi di me. L’arrivo di Mazzarri diede una marcia in più e negli anni la società è stata brava a costruire e creare una rosa competitiva. Lo scorso anno solo per un pizzico di sfortuna non è arrivato lo scudetto e peccato perchè il Napoli lo meritava e ci ho sperato fino alla fine.

Da allenatore non ho un modulo predefinito, da calciatore invece preferivo la difesa a 3, ma anche a 4 non ho fatto male.

Il mio assist a Giovinco in Juve-Napoli? Non potete capire la mia rabbia per quell’errore. Lo so, può capitare, ma ben venga quell’errore che ci diede la scossa per ribaltare il risultato”.

Commenti

Questo articolo è stato letto 730 volte