Brandon Ingram è pronto al salto di qualità

Nell’estate decisamente movimentata dei Los Angeles Lakers si è parlato a turno più o meno di tutti i giocatori, vecchi e soprattutto nuovi, che comporranno il roster dei losangelini in questa stagione attorno a LeBron James. Uno di quelli di cui probabilmente si è parlato meno è Brandon Ingram, che però in quanto a margini di miglioramento e potenziale ha come rivale forse solo Lonzo Ball all’interno dei gialloviola.

Nel passaggio dal suo anno da rookie a quello da sophomore Ingram ha mostrato miglioramenti evidenti nel suo gioco, dovuti soprattutto a un naturale progresso dal punto di vista fisico. Certamente si sono viste anche alcune mancanze dal punto di vista realizzativo e di tiro, ma bisogna ricordare che stiamo pur sempre parlando di un giocatore di soli 21 anni (due in meno di Kyle Kuzma, per dirne uno che gli gioca accanto). Ad ogni modo, sotto le cure di coach Luke Walton si sono potuti intravedere degli sprazzi di talento in situazioni che da quest’anno potrebbero trovarlo coinvolto maggiormente, dato l’arrivo di James a L.A.. Vediamo di capire dove è migliorato e dove ancora può crescere.

All-around game (in progress)

In questi due anni tra i pro, Ingram ha chiaramente mostrato di preferire il gioco dalla media distanza benché la Lega sia da anni ormai nella direzione opposta. Anzi, da un anno all’altro ha pure ridotto i tiri da tre a partita da 2.4 a 1.8, anche se questo dato merita un approfondimento successivo.

Ingram usa spessissimo il pick and roll per iniziare l’azione, e da lì decidere se tirare in sospensione o attaccare il ferro. L’ex prodotto di Duke è quarto nei Lakers per frequenza di utilizzo del pick and roll (29.5%), anche se con questa soluzione produce solo 0.79 punti per possesso – comunque il secondo dato migliore di squadra tra i giocatori con almeno un possesso a partita di questo tipo (Isaiah Thomas ha fatto meglio di pochissimo, 0.81 punti per possesso).

Nel passaggio dalla prima alla seconda stagione è apparso chiaro come il numero 14 abbia aumentato l’aggressività nell’andare al ferro, usando i blocchi per prendersi un vantaggio sull’avversario. Ingram ha messo in mostra un buon primo passo per superare il primo difensore dal palleggio, e da diversi video sui social di workout estivi focalizzati proprio sul ball handling si può immaginare come in questa stagione diventerà ancora più efficace mettendo palla per terra.

Fonte: Sky

Commenti