Gli interventi di Mimmo Malfitano, Peppe Iannicelli e Ricardp Alemao a Radio Marte

A Radio Marte, nel corso di Marte Sport Live è intervenuto Mimmo Malfitano, giornalista

“Koulibaly e Allan si stanno distinguendo e hanno raggiunto il livello di maturità quest’anno, stanno strabiliando. Anche Insigne sta facendo cose egregie con la maglia del Napoli, ma la convocazione in Nazionale di Allan è il coronamento di un sogno e la giusta ricompensa al grande lavoro svolto col Napoli. Preservare questi 3 calciatori sarà importante per il progetto di Ancelotti.

E’ difficile migliorare il Napoli, ma si può completare la squadra per renderla competitiva. C’è sempre il dualismo con la Juventus e spero che il Napoli vada avanti in Champions. Ma,l tornando la mercato, si parla di esterni bassi, di una punta centrale, ma qualsiasi operazione verrà fatta a gennaio, servirà più che altro in prospettiva. Il Napoli credo che andrà avanti così fino a fine stagione, se poi il presidente ci sorprenderà con 2 calciatori di alto livello, non ci resta che aspettare”.

A Radio Marte, nel corso di Marte Sport Live è intervenuto Peppe Iannicelli, giornalista

“Allan è nel momento chiave della sua carriera perchè è sempre stato un buon giocatore, ma ora può dimostrare di essere un campione. Non è ancora un top player perchè dobbiamo aspettare che si confermi mese dopo mese, anno dopo anno. Deve confermarsi in campionato, in Champions League e anche nella sua Nazionale. Ad esempio, Hamsik è nato fuoriclasse, ma non è diventato campione perche non ha mai inciso nelle coppe europee.

A Radio Marte, nel corso di Marte Sport Live è intervenuto Ricardo Alemao, ex calciatore brasiliano

“Sto seguendo il Napoli di Ancelotti, mi sembra una bella squadra e quest’anno ha una buona chance di vincere un titolo.

Allan merita la Nazionale e la titolarità con la Selecao. Sta facendo molto bene col Napoli, è altruista e avrebbe meritato la chiamata di Tite già da tempo.

Allan non è simile a me, lui è più offensivo e gioca infatti più avanti rispetto a come giocavo io e anche tecnicamente è superiore a me. E’ un ragazzo molto intelligente e per 90 minuti corre e si dedica alla squadra.

Credo che il mio gol più importante sia stato col Lecce. Si parlava in quel periodo di Alemao fuori dal Napoli e per questo quel gol fu importantissimo. Sento ancora calciatori del mio Napoli, a maggio sarò in città perchè mi fa sempre piacere tornare in quella terra.

Guardo molto la serie B in Brasile, c’è un ragazzo che vorrei consigliare al Napoli perchè è forte fisicamente e mi somiglia molto e non credo costi molto, ma non vorrei dire il nome.

Paquetà è un grandissimo giocatore, ma il calcio italiano è altra cosa: è veloce e tatticamente diverso e se una squadra italiana vorrà prenderlo, dovrà anche avere il tempo di aspettarlo perchè necessiterà di un periodo di ambientamento”.

Commenti