LA PARTITA – Atalanta-Napoli 1-2, Fabian e Milik firmano il successo degli azzurri

Il Napoli batte l’Atalanta 2-1 con le reti di Fabian e Milik, per ka squadra di Gasperini non basta il gol di Zapata.

PRIMO TEMPO

Al 2′ minuto passa subito in vantaggio il Napoli, Insigne si invola verso l’area e passa alla sua sinistra Fabian Ruiz che si fa reovare pronto e va a segno. Successivamente l’Atalanta prova a rendersi pericolosa, ma il Napoli gestisce bene la fase difensiva. Al 31′ gran pallonetto di Insigne dalla distanza, il portiere gli va incontro e lascia la porta sguarnita, ma il pallone termina di poco fuori. Poco dopo Insigne avverte dolori alla gamba, dalla panchina inizia a prepararsi Zielinski, ma l’attaccante riesce a tornare in campo. Al 45′ l’arbitro assegna 1 minuto di recupero e al 46′ termina il primo tempo.

SECONDO TEMPO

Ad inizio ripresa Napoli poco brillante, l’Atalanta attavva più volte l’area di rigore azzurra e al 56′ trova il pari con Zapata, che servito da Hateboer, spedisce il pallone in rete. Subìto il gol il Napoli non riesce a reagire, tante difficoltà in fase offensiva e passaggi sbagliati. All’85’ gli azzurri trovano il gol del raddoppio: Mario Rui da fuori area seve un buon pallone a Milik, che prima lo controlla e poi spedisce in rete al volo. Al 90′ k’arbitro assegna 4 minuti di recupero e al 94′ termina la gara.

IL TABELLINO

Atalanta (3-4-1-2): Berisha; Mancini (89′ Tumminello), Palomino, Masiello; Hateboer, De Roon, Freuler, Gosens; Gomez; Rigoni (71′ Valzania), Zapata. A disp: Rossi, Gollini, Bettella, Djimsiti, Reca, Castagne, Alì Adnan, Pasalic, Pessina,Barrow. All.: Gian Piero Gasperini

Napoli (4-4-2): Ospina; Maksimovic (77′ Hysaj), Albiol, Koulibaly, Mario Rui; Callejon, Allan, Hamsik, Fabian Ruiz (77′ Zielinski); Mertens (82′ Milik), Insigne. A disp: Meret, Karnezis, Luperto, Malcuit, Ghoulam, Diawara, Rog, Younes. All.: Carlo Ancelotti

Arbitro: Piero Giacomelli (Trieste)

Reti: 2′ Fabian Ruiz (M), 56′ Zapata (A), 85′ Milik (N)

Ammoniti: Masiello (A) Allan, Mario Rui (N).

Mariano Potena

Questo articolo è stato letto 313 volte