LA PARTITA – Parma-Napoli 0-4, poker azzurro al “Tardini”

Il Napoli batte il Parma al “Tardini” per 4-0 con una doppietta di Milik e le reti di Zielinski e Ounas.

PRIMO TEMPO

Primo quarto d’ora a ritmi bassi, il Napoli difende bene ma fa fatica a trovare spazi nella difesa del Parma. Al 18′ arriva il vantagio per gli azzurri: grande passaggio di Hysaj per Zielinski che dalla sinistra spedisce in rasoterra il pallone in rete. Il Napoli prosegue la parrtita con sicurezza, il Parma non si rende pericoloso; al 36′ c’è il raddoppio firmato da Arkadiusz Milik da calcio di punizione, altra rete segnata in rasoterra. Al 44′ Napoli vicino al terzo gol: bel tiro a gi ro di Zielinski, ma il pallone termina di poco a lato. Al 45′ l’arbitro assegna 1 minuto di recupero e al 46′ termina il primo tempo.

SECONDO TEMPO

Al 55′ l’arbitro assegna un calcio di rigore per il Parma per un presunto fallo di Malcuit in area, ma dopo il controllo al VAR annulla la decisione in quanto c’era prima un fallo subìto da Callejon, sempre in area di rigore. Al 73′ arriva anche il tergo gol del Napoli: Milik riceve il pallone dopo un retropassaggio sbagliato di Biabiany,entra in area e con il sinistro insacca. All’82’ quarto gol per gli azzurri, questa volta è Ounas ad andare a segno dopo aver ricevuto un buon pallone da Verdi. Al 90′ l’arbitro assegna 4 minuti di recupero e al 94′ termina la gara.

IL TABELLINO

Parma (4-3-3): Sepe; Iacoponi, Bruno Alves, Gagliolo, Gobbi; Machin (53′ Siligardi), Rigoni, Kucka; Gervinho (77′ Schiappacasse), Inglese, Biabiany (83′ Gazzola). A disp: Frattali, Brazao, Dimarco, Diakhate, Barillà, Dezi, Davordzie, Sprocati. All.: Roberto D’Aversa

Napoli (4-4-2): Meret; Malcuit, Maksimovic (46′ Luperto), Koulibaly, Hysaj; Callejon, Allan, Fabian Ruiz, Zielinski (75′ Verdi); Milik (80′ Ounas), Mertens. A disp: Ospina, Karnezis, Chiriches, Ghoulam, Diawara. All.: Carlo Ancelotti

Arbitro: Daniele Chiffi (Padova)

Reti: 19′ Zielinski (N), 36′, 73′ Milik (N), 82′ Ounas (N)

Ammoniti: Rigoni, Gagliolo (P) Milik (N).

Mariano Potena

Commenti

Questo articolo è stato letto 488 volte