Gli interventi di Monica Scozzafava, Claudio Onofri e Alessandro Renica a Radio Marte

A Radio Marte, nel corso della trasmissione ‘Marte Sport Live’, è intervenuta Monica Scozzafava

“Albiol via da Napoli non sarebbe un fulmine a ciel sereno, ma la sua è una presenza preziosa nella difesa azzurra e se dovesse realmente andar via, il Napoli dovrà rimpiazzarlo adeguatamente. Albiol con la cura Sarri è diventato disciplinato, ha qualità e doti tecniche.

I parametri del Napoli sono cambiati già negli ultimi 3 anni in cui ha raddoppiato se non triplicato il monte ingaggi. Oggi, come quando venne Benitez, il club azzurro vuole provare a colmare il gap di esperienza e di tecnica per provare ad arrivare alla Juve e con James Rodriguez il Napoli sarebbe un grande salto di qualità. Mi fa strano che i tifosi possano dividersi e dibattere su James Rodriguez che ha qualità tecniche importanti. Con Ancelotti ha un rapporto particolare e il problema ruolo potremmo anche non porcelo”.

A Radio Marte, nel corso della trasmissione ‘Marte Sport Live’, è intervenuto Claudio Onofri, allenatore

“James Rodriguez è un calciatore che Ancelotti conosce bene perchè lo ha allenato sia al Bayern Monaco che al Real Madrid quindi le peculiarità a lui sono note.

Anche Lozano mi piace, è duttile anche se predilige giocare a sinistra quindi il modulo non è un problema, Ancelotti può adattarlo tranquillamente”.

A Radio Marte, nel corso della trasmissione ‘Marte Sport Live’, è intervenuto Alessandro Renica, ex calciatore

“Se Albiol andasse via mi dispiacerebbe molto perchè è fondamentale per la difesa del Napoli. Senza di lui, quest’anno la squadra è andata in difficoltà perchè ha l’esperienza giusta per chiamare la difesa ed aveva la peculiarità di valorizzare anche Koulibaly.

Non avrei dubbi per il dopo Albiol, tra Manolas e Miranda, il secondo farebbe la fortuna di Koulibaly. Ad oggi, il senegalese vale più di 100 milioni perchè è tra i più forti del mondo nel suo ruolo e va messo sul podio.

James Rodriguez è abituato a vincere e può fare la differenza nel campionato italiano. Anzi, credo si possa adattare molto bene perchè parliamo di un giocatore tecnico, anche se non è una prima punta, ma un trequartista. Non so se poi sia necessario prendere un trequartista oppure una prima punta, ma Ancelotti non è ingenuo e certi ragionamenti li avrà fatti”.

Commenti

Questo articolo è stato letto 729 volte