Gli interventi di Franco Selvaggi, Antonio Corbo, Gianni Di Marzio, Leandro Rinaudo e Monica Scozzafava a Radio Marte”

A Radio Marte, nel corso di Marte Sport Live è intervenuto Franco Selvaggi, ex calciatore

“Non me ne voglia Ancelotti, ma le prime due gare del Napoli non sono state all’altezza della squadra che conosciamo. I 7 gol subiti contro Fiorentina e Juventus sono sintomo di un malese nella fase di non possesso e Ancelotti è un maestro in questo per cui dovrà porre dei rimedi.

Ancelotti vede Gaetano a centrocampo, io l’ho avuto nella nazionale Under 16 e con giocava in avanti, è nato punta, ma nella vita si cambia. Mi sono meravigliato della cessione di Rog che a me piace tantissimo anche perché sarebbe servito al Napoli che manca di un centrocampista.

Armenia-Italia? Belotti era la promessa, lo stimo molto e credo che vedremo un grande calciatore quest’anno”. 

A Radio Marte, nel corso di Marte Sport Live è intervenuto Antonio Corbo, giornalista

“Lozano è un giocatore tutto da scoprire, può essere la rivelazione del campionato. 

Non sappiamo ancora come giocherà il Napoli a centrocampo, se a 2 oppure a 3, le scelte di mercato fanno pensare che Ancelotti metterà in campo una squadra con un centrocampo a 2. Negli acquisti si è vista una mente tecnica che a Napoli mancava: con Sarri arrivavano giocatori alla rinfusa perchè li sceglieva il presidente con l’aiuto del ds, ora invece tutto rientra in un progetto tecnico. Sul piano individuale quest’anno si poteva fare di più, ma tutti gli acquisti rappresentano il perfezionamento di un progetto tecnico”. 

A Radio Marte, nel corso di Marte Sport Live è intervenuto Gianni Di Marzio, allenatore

“Per giocatori come Careca non esistono cifre! Se dovessi fare relazioni su giocatori come Carnevali, Careca, Maradona, Giordano non la finirei più perchè sono campioni, giocatori completi, quelli che il Napoli dovrebbe cercare. 

E’ vero che il Napoli ha uno scout che ha una scuola calcio in Brasile, poco distante da a Rio de Janeiro. I brasiliani sono forti, ma a differenza degli argentini, prima di adattarsi hanno bisogno di tempo perché soffre di nostalgia del suo paese. I migliori giovani però, sono brasiliani.

Sulla carta il Napoli si è rinforzato, ma non tutti i calciatori sono al top della forma a causa dei pochi allenamenti. La sosta però, arriva nel momento giusta e già alla ripresa vedremo una condizione migliore dei giocatori simbolo del Napoli. Questa squadra però non ha un vero leader, un trascinatore e uno col carattere spiccato. Sono tutti bravi ragazzi, forse Manolas si farà sentire”. 

A Radio Marte, nel corso di Marte Sport Live è intervenuto Leandro Rinaudo, direttore sportivo del Palermo

“Non so se il Napoli di quest’anno sia più forte di quello dello scorso anno, ma di certo ha aumentato qualità in alcuni elementi, ma alla fine è sempre il collettivo a fare la differenza. Serve qualità e alchimia per avere la meglio. Manolas è uno dei difensori più forti della serie A, il Napoli lo ha preso, ma ha incassato 7 gol in 2 partite per cui non basta solo aggiungere dei giocatori di qualità per raggiungere certi risultati. 

La cultura inglese piuttosto che quella tedesca è diversa da quella italiana. I nostri allenatori curano l’aspetto tattico”. 

A Radio Marte, nel corso di Marte Sport Live è intervenuta Monica Scozzafava, giornalista

“Chiuso il mercato, il Napoli inizia a pensare ai rinnovi. La rosa del Napoli vale più di quella dello scorso anno per cui il mercato è stato all’altezza. E’ vero che il Napoli è stato costruito pensando al 4-2-3-1 e che questo modulo rispecchia le idee di Ancelotti, ma non sarei così integralista perché il tecnico del Napoli sta trovando ancora la quadra. Finchè la condizione dei suoi giocatori non sarà al top, Ancelotti potrebbe anche pensare di tornare anche al 4-4-1-1”. 

Commenti

Questo articolo è stato letto 677 volte