LE INTERVISTE – Ancelotti: “Se non la chiudi si soffre. Di Lorenzo, che sorpresa”

Carlo Ancelotti, allenatore del Napoli, dopo la sofferta vittoria ottenuta al San Paolo contro il Brescia è intervenuto al microfono di Dazn: “Soffrire in queste partite è normale. Se non la chiudi sul 3-0 e poi subisci gol la partita diventa con più apprensione. Nel primo tempo abbiamo fatto molto bene. Dopo c’era caldo per entrambe le squadre, abbiamo fatto uno sforzo notevole, ma tutto sommato sono soddisfatto”.
Cosa chiedeva a Zielinski? “Negli ultimi dieci minuti ci siamo messi a cinque a centrocampo per chiudere meglio le fasce laterali, così l’ho decentrato un po’ di più”.
Sui terzini e la costruzione con Di Lorenzo bloccato: “Di solito in possesso palla utilizziamo, soprattutto contro squadre con i due attaccanti, utilizziamo i tre difensori. Alziamo Ghoulam a sinistra per dare ampiezza, è una nostra situazione offensiva. Di Lorenzo è una grande sorpresa, un giocatore molto molto affidabile in qualsiasi posto. E’ uno dei pochi giocatori a cui non devi tanto spiegare le cose”.
Su Llorente: “Llorente è un tipo di giocatore nuovo per noi, perché Milik pur avendo una struttura forte ha caratteristiche diverse. Llorente può giocare con Milik, Lozano, Mertens. Tutti. Nel primo tempo insieme, Llorente e Mertens, oggi hanno fatto molto bene”.
Perché ha tolto Llorente per mettere Elmas? “Ho optato per mettere un centrocampista in più per gestire di più il possesso e non la profondità. Milik e Insigne saranno così freschi mercoledì”.
Dopo la Champions c’è Inter-Juve, un pareggio le andrebbe bene? “Sono più preoccupato per Torino-Napoli, ci sto pensando di più”.

TuttoMercatoWeb.com

Commenti

Questo articolo è stato letto 758 volte