Gli interventi di Guglielmo Buccheri, Gigi Finizio, Luca Marchetti e Dario Marcolin a Radio Marte

A Radio Marte, nel corso di Marte Sport Live è intervenuto Guglielmo Buccheri, giornalista

“Insigne in Nazionale è sorridente, ma vale un po’ per tutti i calciatori: chi viene in azzurro trova un’oasi felice. Pur avendoli a disposizione poco tempo, Mancini li restituisce ai club rigenerati. Non credo che srìtasera giocherò Insigne con l’Italia, dovrebbe esserci Tonali. Di Lorenzo invece non solo giocherà stasera, ma può avanzare anche la sua candidatura per entrare nei 23 dell’Europeo. Il suo “rivale” sarebbe Izzo, ma Mancini lo vede meglio come alternativa a Bonucci. Le gerarchie in porta sono ben definite: Meret non se la giocherà con Gollini: il primo portiere è Donnarumma, il sfondo è Sirigu e Meret farà il terzo”.  

A Radio Marte, nel corso di Marte Sport Live è intervenuto Gigi Finizio, cantante

“Non dobbiamo arrenderci, proprio in questi momenti dobbiamo abbracciare il Napoli e far sentire il nostro calore alla squadra. 

Insigne soprattutto va sostenuto, è un nostro concittadino e nel bene e e nel male dobbiamo dargli una mano, soprattutto nei momenti più delicati come questo”. 

A Radio Marte, nel corso di Marte Sport Live è intervenuto Luca Marchetti, giornalista 

“Nemo profeta in patria è un detto che non vale solo a Napoli, ma un po’ dovunque. Nel bene o nel male il fatto che sia napoletano condizionerà sempre la carriera di Insigne a Napoli. 

Di certo il rinnovo di Fabian Ruiz non sta andando avanti ed è evidente anche che sia un calciatore da Barcellona. Il club spagnolo lo segue da tempo, a livello internazionale Fabian è stato quasi sempre dil migliore in campo e certi club non possono non tenerlo in considerazione. 

Lobotka è un ottimo giocatore ed è certamente da Napoli, non so se possa far fare da suino la differenza al Napoli. Di certo un calciatore del genere serve, ma c’è da tenere in considerazione il periodo di ambientamento”. 

A Radio Marte, nel corso di Marte Sport Live è intervenuto Dario Marcolin

“Il Napoli non ha bisogno di essere allenato col 4-3-3 perché i calciatori che erano con Sarri conoscono alla perfezione questo modulo quindi si tratterebbe solo di insegnare qualche movimento ai nuovi. Il Napoli sembra costruito per giocare con quel modulo ed è per questo che in tanti chiedono ad Ancelotti di cambiare sistema di gioco poi è chiaro che da solo non serve a vincere, ma di fronte ad una novità tattica, catturi l’attenzione della squadra che è portata a fare bene”.

Commenti

Questo articolo è stato letto 719 volte