Gli interventi di Monica Scozafava, Saverio Sticchi Damiani, Tommaso Mandato, Inacio Pià e Carlo Alvino a Calcio Napoli 24 Live

La giornalista del Corriere del Mezzogiorno Monica Scozzafava è intervenuto in diretta ai nostri microfoni durante ‘Calcio Napoli 24 Live’ trasmissione in onda su CalcioNapoli24 TV (296 Digitale Terrestre) per parlare delle ultime del calcio Napoli. Ecco quanto evidenziato da CN24:

Lecce? Con le dovute proporzioni, sono le due squadre che si sono rafforzate sul mercato in maniera funzionale, ma hanno fatto degli inserimenti che si sono rivelati utili sin da subito. Il mercato ha dato linfa ad entrambe le squadre, sarà curioso vederle una contro l’altra: sul potenziale tecnico c’è differenza, ma io resterei attenta al Lecce. Liverani è molto bravo e non è integralista, sa cambiare ed adattare i calciatori a moduli diversi. Sarà un match interessante, il Napoli non dovrà prenderlo sottogamba. Anzi, se ha un obiettivo legittimo come la zona Europa allora deve vincere praticamente tutte in questo mini-ciclo di campionato con avversari non propriamente irresistibili. Due squadre penalizzate dagli arbitraggi? Non hanno avuto episodi arbitrali fortunati, ma non è un argomento che alla lunga incide in un campionato intero: c’è stato un torto per il Napoli contro l’Atalanta, ma dopo poi abbiamo visto come sono state giocate le altre partite. Turnover di Gattuso? Sono rientrati giocatori importanti, il Napoli da qui ad un mese giocherà ogni tre giorni: ruotare sarà inevitabile, il Napoli mai come quest’anno ha una panchina lunga e di valore, Gattuso sarà chiamato obtorto collo a delle scelte e ad un turnover un po’ più spinto. Con Lobotka, Demme e Politano il Napoli inizia ad avere un equilibrio in mezzo al campo: Demme è ordinato nel fare cerniera con movimenti semplici e naturali, Lobotka mi ha convinto per la personalità e per la forza fisica. Il Napoli è sulla strada per trovare la quadra definitiva. Fabian? Sulla carta è una riserva in questo momento, è un ragazzo di valore ed un patrimonio per il Napoli a prescindere dal progetto, che intenda tenerli oppure no. Fabian deve ritrovare brillantezza prima di essere eventualmente messo sul mercato, a dirla tutta”

Il presidente del Lecce Saverio Sticchi Damiani è intervenuto in diretta ai nostri microfoni durante ‘Calcio Napoli 24 Live’ trasmissione in onda su CalcioNapoli24 TV (296 Digitale Terrestre) per parlare delle ultime del calcio Napoli. Ecco quanto evidenziato da CN24:

“L’ultima prestazione del Lecce è stata convincente, nonostante i tanti infortunati sembra che i movimenti di mercato siano stati azzeccati ed hanno contribuito ad aiutare un organico che, dopo due promozioni, è in continua crescita. Il Lecce era interessato a Tonelli? A gennaio il mercato non può portare a stravolgimenti ma giusto a dei ritocchi di rosa: Tonelli era uno dei possibili nomi per noi, ma non c’è mai stata una vera trattativa col Napoli. Alla fine avevamo bisogno di altre priorità, il centrale difensivo l’abbiamo preso all’ultimo giorno con Paz dal Bologna.

Difficile fare calcio al Sud? Credo sia difficile già fare impresa, quella del calcio è ancora più particolare perchè sfugge dalle dinamiche classiche aziendali. Magari fai un buon lavoro ma gli investimenti sono continui e qualcosa può pure sfuggire alla programmazione. Ci vuole volontà di investire capitali in una industria non troppo redditizia come il calcio: il territorio è storicamente più povero, la Serie A sarebbe un affare del Nord se non fosse per Napoli e Lecce. Il discorso delle multe applicato da De Laurentiis alla squadra? Da presidente dico che se ci sono delle regole disciplinate tra società e calciatori, e non vengono rispettate, l’unico modo è intervenire con le sanzioni. Ci sta la decisione, poi certo De Laurentiis non ha bisogno dei miei consigli. Magari prima di un ritiro si può tastare il polso della squadra, per capire se possa essere una decisione in contrasto. Le questioni arbitrali? La principale novità dalla B è la presenza del VAR, uno strumento utile e al quale sono favorevole, ma che non è ancora chiaro nelle modalità con cui possa essere utilizzato ed intervenire, e con quale incidenza. Sono temi di sistema che andrebbero disciplinati in maniera più scientifica, pensiamo ad esempio al fallo di mano punibile o meno. La reazione di Commisso? Ognuno ha i suoi modi, io parlo di regole: se ci fosse un problema di applicazione, lo seguo. Quando si parla di complotti e teoremi strani, è una cosa che non mi piace altrimenti non avrebbe senso partecipare alla Serie A. Ad inizio anno ci siamo incontrati tutti a Roma, ci vorrebbero più incontri del genere con gli arbitri per parlare di regole e VAR”

L’operatore di mercato Tommaso Mandato è intervenuto in diretta ai nostri microfoni durante ‘Calcio Napoli 24 Live’ trasmissione in onda su CalcioNapoli24 TV (296 Digitale Terrestre) per parlare delle ultime del calcio Napoli. Ecco quanto evidenziato da CN24:

Faouzi Ghoulam come Zuniga? Credo che Camilo sia stato l’unico al mondo ad esser riuscito a mettere nel sacco il Napoli, la sua azione fu ben preparata: mi auguro che Faouzi non abbia questa finalità, ha dei seri problemi fisici e ce la sta mettendo tutta per recuperare. Ci sono delle difficoltà a livello medico per tornare alla massima efficienza. Il Napoli rischia con gli effettivi sulle fasce? A destra è ampiamente coperto, c’è Di Lorenzo con Hysaj, mentre a sinistra Mario Rui non mollerà mai pur non avendo nessuno alle spalle: non si può pretendere che il portoghese abbia massima continuità fino a fine torneo. Lozano vice-Insigne? Hirving ha pagato la confusione generale, era arrivato con grandissimo entusiasmo e con una valutazione altissima: c’erano grandi aspettative, poi è entrato nel tunnel della confusione generale, è stato sottoposto ad esperimenti tattici che non gli competono. Lozano al PSV ha fatto bene sull’esterno, non può aver dimenticato come si gioca a calcio. Mertens e Callejon? Dries è un giocatore integro, dimostra di voler rimanere a Napoli quando uno nella sua situazione contrattuale avrebbe potuto fare delle scelte ben precise. Se ha l’obiettivo di rimanere nella storia del Napoli, fossi nel club fare un ulteriore sforzo”

L’ex attaccante del Napoli e del Lecce Inacio Pià è intervenuto in diretta ai nostri microfoni durante ‘Calcio Napoli 24 Live’ trasmissione in onda su CalcioNapoli24 TV (296 Digitale Terrestre) per parlare delle ultime del calcio Napoli. Ecco quanto evidenziato da CN24:

“Liverani è un allenatore che propone calcio, sul mercato il Lecce ha migliorato una rosa che può giocarsela tranquillamente per la salvezza. Hanno entusiasmo, e poi quando si gioca contro una grande come il Napoli si cerca sempre di fare la prestazione della domenica. Sarà una partita delicata. Insigne si è ritrovato? Se sta bene fisicamente, e ha forza, allora può essere determinante come pochi: nello schema di Gattuso, se la catena lo esalta, credo sia pienamente recuperato sotto tutti i punti di vista e ciò non può che essere un bene. Politano e Callejon? L’arrivo del primo è un segnale per far capire al secondo che punteranno sull’altro, credo che con Gattuso possa avere più chance di giocare l’ex Inter. Petagna? È un play avanzato secondo me, come tipologia può essere come Milik: Arek è più goleador, Andrea manda in porta i compagni e può essere fondamentale per i prossimi anni del Napoli. Come compatibilità e caratteristiche, Petagna e Callejon potrebbero garantire un assestamento migliore dal punto di vista tattico”

Il giornalista di TV Luna Carlo Alvino è intervenuto in diretta ai nostri microfoni durante ‘Calcio Napoli 24 Live’ trasmissione in onda su CalcioNapoli24 TV (296 Digitale Terrestre) per parlare delle ultime del calcio Napoli. Ecco quanto evidenziato da CN24:

“La probabile formazione di Napoli-Lecce? I problemi più belli sono quelli d’abbondanza, Gattuso ama il gioco delle coppie e queste ultime si sono riproposte quasi per intero. Sono curioso di capire chi verrà scelto, sarà difficile tenere fuori Koulibaly perchè ha recuperato e vuole esserci: immagino che allo stesso tempo Di Lorenzo possa giocare a destra, ma lo Hysaj degli ultimi tempi difficilmente si tiene fuori. Così come Mertens che ha il record di gol di Hamsik a portata di mano: Milik che fa, a quel punto? Non vorrei essere nei panni di Gattuso, ma ci sono tanti impegni da giocare. Credo che Koulibaly possa già giocare con il Lecce, anche se credo che certe scelte possano essere condizionate anche dall’andata della semifinale di Coppa Italia. Lozano e Fabian? La coabitazione tra Fabian e Zielinski secondo me è possibile, possono ricoprire ruoli diversi: è meglio averli sempre nelle posizioni di campo più legate alle loro caratteristiche, ad oggi mi sento di dire che sono in lotta per una maglia e contro il Lecce Zielinski potrebbe anche rifiatare in vista dell’Inter. Nel gioco delle coppie però penso a Fabian-Zielinski per una sola maglia. Lozano merita qualche chance in più, è stato l’uomo della disperazione negli ultimi minuti e non si possono fare valutazioni: il Napoli sta recuperando, Hirving avrebbe terreno più fertile per mettersi in mostra e mi piacerebbe se Gattuso lo tenesse in considerazione. Lo spogliatoio del Napoli per mesi è stato molto complicato, tra giocatori e vecchio allenatore: il lavoro di Gattuso è stato quello di facilitare i ragazzi e fargli capire che tutte le discussioni extra-calcistiche devono essere tenuti fuori. Ci sta riuscendo: la questione multe è irrisolta ma non è all’ordine del giorno. Mertens a scadenza? Il Napoli e Dries hanno deciso di prolungare il discorso rinnovo, fa discutere il suo viaggio a Roma ma in realtà anche Lozano è stato lì nel suo giorno di riposo: Mertens sa la posizione del Napoli e viceversa, dev’essere una valutazione di testa e non di pancia. Un club non può avere sentimentalismi, dev’essere ferma e decisa: nel calcio non paga, dobbiamo dirlo a malincuore”

Commenti

Questo articolo è stato letto 221 volte