ANTEPRIMA PARTITA: Gattuso ha in mente per Bologna un ampio turn over

Non ancora sopita l’arrabbiatura per la brutta prestazione dei suoi ragazzi, in Europa League, Rino Gattuso, per la partita di questa sera, contro il Bologna ha in mente ben sette cambi, rispetto al match col Rijeka. L’allenatore azzurro aspetta delle risposte concrete, una forte reazione alle tante critiche ricevute. I partenopei hanno l’obbligo di riscattarsi dalla figuraccia fatta nel primo tempo di Fiume e dopo il k o interno con la formazione di De Zerbi, hanno il dovere di riprendere la marcia e rimettersi nelle posizioni di classifica più consone ai loro obiettivi. Naturalmente l’avversario odierno rappresenta un brutto cliente per Insigne e soci, d’altronde  il Bologna di Mihajlovic mise già in imbarazzo il Napoli nel finale della scorsa stagione. Infatti dopo sei sconfitte consecutive i rossoblù, nelle ultime tre sfide di Serie A contro il Napoli, hanno conquistato due vittorie ed un pari. L’allenatore dei felsinei anche oggi non potrà contare  sugli infortunati Medel, Poli, Dijks, Skov Olsen, Sansone, Mbaye ed Hickey. Dunque pacchetto arretrato  obbligato formato da De Silvestri, Danilo, Denswil e Tomiyasu che per per forza maggiore  potrebbe tornare ad agire da terzino; in mezzo al campo sembrano favoriti  Schouten e Svanberg mentre in avanti il trio Orsolini, Soriano e Barrow alle spalle di Palacio, prima punta. Come anticipato il tecnico del Napoli intende schierare  7 giocatori  tenuti a riposo in Coppa. Tornerà al centro dell’attacco Osimhen,  dietro di lui ballottaggio tra Mertens, Zielinski ed Elmas più di contenimento. Rientrerà pure Insigne che occuperà, come al solito, la fascia mancina con Lozano a destra, in vantaggio su Politano. A centrocampo quasi sicuro il duo Bakayoko e Fabian, mentre la linea di difesa sarà composta da Manolas e Koulibaly centrali con  Hysaj e Di Lorenzo, rispettivamente a sinistra e a destra. In porta conferma di Meret, tuttavia non è improbabile un’alternanza con Ospina che costituirebbe l’ottavo cambio.

Commenti