Rino Gattuso, domenica, contro il suo glorioso passato rossonero

Per Gennaro Gattuso, quella di domenica sera contro il Milan, non sarà una partita qualunque, il tecnico azzurro sfiderà il suo glorioso passato rossonero che lo ha visto protagonista sia da giocatore che da allenatore fino a qualche anno fa. Con la maglia del Diavolo, da calciatore, ha praticamente vinto tutto. Non sarà la prima volta che si troverà di fronte il Milan, da avversario, in quanto è già capitato nella passata stagione, sempre a Napoli, nel match che fini 2 a 2. Tuttavia sul suo volto ci sarà nuovamente tanta emozione, dei trascorsi così brillanti non si dimenticano facilmente. Ma oggi è il tecnico del Napoli e all’ombra del Vesuvio si sente come a casa sua. Un uomo del sud che siede sulla panchina della squadra capitale del Mezzogiorno non è cosa di poco conto. Nel capoluogo partenopeo Ringhio è da un anno quasi, ma è come se ci fosse da tantissimo tempo, si è integrato perfettamente nell’ambiente, ha preso in mano le redini dello spogliatoio, ha plasmato i giocatori secondo i suoi canoni, si fa sentire, alzando la voce ostentando tutta la sua autorità e quando c’è da strigliare la squadra non esita a farlo. A quanto pare il gruppo lo segue con stima e fiducia, tanto che il Napoli, sotto la sua guida, ha già vinto un trofeo, cosa che Sarri, in tre anni, non è stato capace di fare. Domenica sera, al fischio di inizio dell’arbitro Valeri, Gattuso si libererà di ogni emozione e tenterà di condurre il suo Napoli alla vittoria.

Commenti