ANTEPRIMA PARTITA: Azzurri a Crotone con un solo obiettivo

Dopo le critiche patite nella non brillante gara di Europa League contro gli olandesi dell’Az, gli azzurri di Gattuso, domani, nel tardo pomeriggio, scenderanno nuovamente in campo allo Stadio Scida per affrontare il fanalino di coda Crotone nella decima giornata di massima serie, con un solo obiettivo,  la vittoria. I padroni di casa che non hanno ancora vinto in questo campionato, pur conoscendo il valore dell’avversario, non hanno, tuttavia, alcuna intenzione di ergersi a vittime sacrificali. Contro il Napoli, il tecnico dei calabresi potrà contare su recuperi molto importanti; a quanto pare dovrebbe tornare Benali nei cinque della zona mediana, affiancando Pereira, Molina, Petriccione e Reca. Ancora indisponibili Cigarini e Riviere, in avanti ci saranno Messias  e Simy, mentre la linea difensiva sarà formata dall’ex di turno Luperto, Magallan e Marrone. Dal canto suo Gattuso appare intenzionato a riproporre il più adatto modulo 4/3/3, impiegando un tridente leggerino composto da Lozano, Mertens  e Insigne; panchina, invece per Politano. Tra i pali  Ospina, dopo il rigore parato giovedì sera, dovrebbe essere riconfermato, davanti al colombiano difesa abituale con Koulibaly e Manolas centrali e Di Lorenzo e Mario Rui terzini, a centrocampo probabile conferma di Bakayoko con Elmas e Zielinski, mentre Fabian si siederà in panchina. Pertanto, basandoci su queste indicazioni ,dovremmo vedere questi schieramenti:

CROTONE (3-5-2), la probabile formazione: Cordaz; Magallan, Marrone, Luperto; Pereira, Molina, Petriccione, Benali, Reca; Simy, Messias. Allenatore: Stroppa.

NAPOLI (4-3-3), la probabile formazione: Meret; Di Lorenzo, Manolas, Koulibaly, Mario Rui; Elmas, Bakayoko, Zielinski; Lozano, Mertens, Insigne. Allenatore: Gattuso.

Veniamo adesso alle curiosità: in questo campionato finora il Napoli non ha mai pareggiato, raccogliendo, nelle otto gare disputate, sei successi e due sconfitte, mentre il Crotone, come anticipato, non è mai riuscito ad ottenere i tre punti in palio. Riguardo ai precedenti. le due contendenti si sono affrontate in A in tre occasioni, tutte finite con il successo dei partenopei. Viceversa nell’unico incontro di serie B risalente al campionato 2006/07, stagione della risalita del Napoli, i calabresi vinsero per 2 a 1.  Sulla carta indubbiamente la formazione di Gattuso è nettamente favorita dal pronostico, però nutriamo qualche dubbio sulla costanza mentale dei partenopei che alternano troppi alti e bassi.

Commenti