LE INTERVISTE – Atalanta, Gasperini al settimo cielo per la finale. E incorona Pessina: “Sarà utile alla Nazionale”

“Il Napoli è una squadra forte, quando attacca lo fa in modo pericoloso e con grande qualità. Il nostro terzo gol ha chiuso la partita”. Parole e pensieri di Gian Piero Gasperini, allenatore dell’Atalanta che ai microfoni di ‘Rai Sport’ ha commentato la vittoria contro il Napoli e la qualificazione alla finale di Coppa Italia.

Pessina l’incursore che cercavi?
“Sì, straordinario anche per la qualità dei due gol. E’ un giocatore che ci sta dando tanto e sarà molto utile anche per la Nazionale. Devo fare i complimenti a tutti i ragazzi, stasera hanno interpretato bene la partita”.

Che periodo è per voi?
“E’ stato un periodo difficile e non posso che fare i complimenti ai ragazzi, domenica a Cagliari sarà la 13esima partita negli ultimi 42 giorni e abbiamo affrontato tante big. Non è sempre facile mantenere la stessa concentrazione, ma devo dire che globalmente stiamo facendo una stagione importante e cerchiamo di essere dentro tutti gli obiettivi. Forse è proprio questo che ci dà grande adrenalina e voglia di fare”.

Sarebbe più importante passare il turno in Champions o vincere la finale di Coppa Italia?
“Oggi si parla dell’importanza di vincere un trofeo, ma resteranno anche i risultati e le qualificazioni. In questi anni la continuità di risultati ha permesso sia alla società che alla squadra di crescere. Superare il Real Madrid sarebbe una cosa straordinaria, impagabile. Ma anche vincere la Coppa Italia”.

Ha visto come balla Gomez a Siviglia?
“Non ho perso la memoria, ha iniziato qui a ballare. E’ un po’ strano che in una serata così bella e con una doppietta di Pessina stiamo qui però a parlare di questo”.

Che margini ha Pessina?
“Importanti, sta avendo una evoluzione incredibile. Lo scorso anno ha fatto un ottimo campionato a Verona, quest’anno abbiamo dovuto recuperarlo da un infortunio ma poi s’è inserito molto bene. Ci sta dando tutto, forza ma anche qualità”.

Ha recuperato anche Zapata?
“Non abbiamo mai avuto dubbi su Duvan, è una stagione un po’ anomala e non è facile giocare sempre con qualità e continuità. Ho sempre cercato di gestire i giocatori in attacco, ma al di là dei gol che sono fondamentali Duvan è sempre stato un giocatore fondamentale per noi”.

Ora ci sarà la finale con la Juventus.
“Manca tanto tempo, ci penseremo a maggio. Sono fortissimi e favoritisssimi, ma noi andremo col nostro coraggio”.

TuttoMercatoWeb.com

Commenti