ATALANTA-NAPOLI, LE PAGELLE: BAKAYOKO L’EMBLEMA DI QUESTO NAPOLI, POLITANO L’UNICO A SALVARSI

MERET 6: Compie un buon intervento su Gosens sul 3a1, per il resto può poco o nulla sui 4 gol dell’Atalanta. Stavolta poco miracoloso.

RRAHMANI 5: Nel complesso non demerita, però sul gol di Muriel è disarmante la facilità con cui il colombiano neutralizza la sua opposizione

MAKSIMOVIC 4,5: Se si eccettua la partita contro la Juventus, non si registrano prestazioni sufficienti del serbo (KOULIBALY: Entra in campo giusto per contribuire subito al 4 gol dell’Atalanta su calcio d’angolo).

DI LORENZO 5: Unitamente al fatto che praticamente non salta una partita da inizio stagione (se non una per squalifica), viene sovrastato fisicamente e tatticamente da Gosens, come in occasione del gol.

MARIO RUI 4: Non mantiene posizione, non marca (sul gol di Zapata), e rischia un penalty nel primo tempo. (GHOULAM SV)

FABIAN RUIZ 5: Gioca molti palloni, provando pure a verticalizzare appena riesce. Ma l’unica giocata degna di nota è quella nel secondo tempo quando pesca Insigne in area di rigore avversaria. L’unico a provare qualcosa di diverso rispeto ai compagni di reparto.

ELMAS 4: Un fantasma che vaga per lo Gewiss Stadium. Al di là dei moduli e delle posizioni, anche il macedone potrebbe dare qualcosa in più, quanto meno in termini di garra. Tocca male pochissimi palloni (INSIGNE 5: Col suo ingresso la manovra ne giova un pochino. Spreca una buona occasione da posizione ravvicinata.)

BAKAYOKO 4: Il terzo gol di Muriel è (anche) suo. Uno dei giocatori voluti dall’allenatore: prestazione, l’ennesima, imbarazzante. La fotografia emblematica di questo Napoli senza ‘veleno’.

POLITANO 6,5: L’unico positivo tra i suoi, lo spirito di sacrificio non manca, ed è bravissimo a sventagliare quel pallone per il gol di Zielinski.

ZIELINSKI 6: Sufficienza solo per il bellissimo gol. Per il resto solo sprazzi di grande tecnica, ma troppo avulso ed estraneo alla manovra del Napoli. (LOBOTKA SV)

OSIMHEN 5: La sua partita è la fotografia del Napoli di Gattuso. La sua è stata la partita che facevano Bogdani, Budan, Destro, Larrivey etc. al San Paolo vs Campagnaro, Cannavaro e Aronica. Una volta su dieci, intorno al 70esimo, riuscivano pure a fare capolino in area di rigore. Raramente, pure a segnare.

 

Commenti