Gli interventi di Giovanni Capuano, Francesco De Core e Fabio Mandarini a Radio Punto Nuovo

Capuano: “La questione Suarez una brutta figura da cima a fondo per la Juventus. Vedo difficile la ricomposizione della frattura tra De Laurentiis e Gattuso”

A Radio Punto Nuovo, nel corso di Punto Nuovo Sport Show, è intervenuto Giovanni Capuano, giornalista di Panorama&Radio: “Il rigore dato contro la Roma? Non è scandaloso, a termini di regolamento c’è. Smalling è stato molto ingenuo e contatti di questo genere, oggi, vengono sanzionati. Ciò non toglie che del Cerro Grande non mi sia affatto piaciuto e non è la prima volta che il suo arbitraggio mi lascia perplesso. Sul futuro del Napoli, non credo che possa essere ricomposta la frattura tra De Laurentiis e Gattuso. Il silenzio stampa a me non piace, ma aiuta nei momenti di difficoltà, come quelli che stava vivendo il Napoli fino a un paio di mesi fa. Sulla Juventus, la vicenda Suarez è una brutta figura totale, ma non lascerà strascichi né civili né penali di grande rilievo. Non mi sembra che Agnelli abbia scaricato tutte le responsabilità su Paratici, in quanto non ha fatto altro che delineare l’organigramma societario con le rispettive funzioni. Inoltre, non penso che Paratici sia al momento così tanto a rischio, essendo operativo sul mercato. Non credo che Agnelli verrà messo alla berlina dalla proprietà, se lascerà la presidenza, lo farà cadendo in piedi. Ciò che pesa su di lui è la vicenda Superlega, che rischia di far restare la Juve fuori dalle trame di politica sportiva europea”.

De Core: “La sconfitta della Roma ha certificato l’enorme divario tra le squadre italiane e i top club europei. Bisogna ripartire dai giovani”

A Radio Punto Nuovo, nel corso di Punto Nuovo Sport Show, è intervenuto Francesco De Core, vice-direttore ed editorialista del Corriere dello Sport: “Il rigore dato contro la Roma? Non c’era, Smalling interviene su Cavani quando quest’ultimo non aveva più la disponibilità del pallone. Il rigore è stato determinante, il 4-2 ha compromesso definitivamente la partita della Roma. La superiorità del Manchester United, comunque, è stata evidente sotto tutti i punti di vista, manifestando un divario netto tra le due squadre. Il CT Mancini sta puntando sui giovani e i risultati gli stanno dando ragione, anche se deve ancora confrontarsi con le maggiori selezioni europee e gli Europei saranno il banco di prova. In campionato, purtroppo, i giovani hanno poco spazio, basti vedere Scamacca, che nel Genoa è chiuso da Pandev e Destro. Apprezzo De Zerbi, che ultimamente nel Sassuolo ha lanciato Raspadori. Chiaramente, puntare sui giovani può comportare dei problemi, come è successo ieri a Villar, che è stato sovrastato da Pogba. In generale, le italiane in Europa hanno fatto una magra figura. Il Napoli, seppure in ripresa, ha macchiato la sua stagione con il Granada, che non è da sottovalutare, avendo battuto ieri il Barcellona nella Liga. La Roma, in questa disastrosa campagna europea dei club italiani, ha meno colpe rispetto alle altre formazioni, essendo arrivata fino alle semifinali di Europa League. Le squadre italiane non sanno gestire il doppio impegno, Atalanta e Lazio, libere dalle competizioni continentali, hanno messo in fila tante vittorie consecutive in Serie A. Il raggiungimento della qualificazione in Champions League è fondamentale per le italiane soprattutto per una questione economica, a maggior ragione in questo periodo caratterizzato dalla pandemia”

Mandarini: “Il Napoli è superiore al Cagliari, non dovrebbe avere eccessive difficoltà. Gattuso sarà l’allenatore del Napoli fino al 23 maggio, ma non ci sono margini per una sua riconferma”

A Radio Punto Nuovo, nel corso di Punto Nuovo Sport Show, è intervenuto Fabio Mandarini, giornalista del Corriere dello Sport: “La partita con il Cagliari non credo rappresenti un ostacolo troppo grande per questo Napoli, che è in gran forma e non può lasciarsi scappare l’obiettivo della qualificazione in Champions League, vitale per la società. Gattuso non sarà più l’allenatore del Napoli a partire dalla prossima stagione, può sempre esserci un colpo di scena clamoroso, ma, a mio parere, il discorso è ormai chiuso, non essendoci margini per una ricomposizione”

Commenti