Gli interventi di Massimiliano Gallo e Tommaso Mandato a Radio Marte

A Radio Marte nel corso della trasmissione “Marte Sport Live” è intervenuto Massimiliano Gallo, giornalista.
“Io tiferò per l’Italia e certamente Napoli è una città italiana, quindi non condivido questo filone anti-italiano che nell’ultimo decennio ha preso piede qui. Ci sono delle Nazionali che mi piacciono di più o di meno. Questa è una Nazionale che gode di molta simpatia, anche all’estero. Mancini è stato molto elogiato ma sono un po’ preoccupato perché c’è un’euforia un po’ eccessiva. Gli va dato merito però di avere un atteggiamento molto poco italiano: ha detto che di fatto si punta alla fine, Mancini non si è nascosto. Non credo che siamo i più forti né i più esperti però abbiamo tanto entusiasmo e abbiamo avuto un ottimo sorteggio. Spalletti punta soprattutto sul centrocampo, lì ci sarà una rivoluzione. Al di là di come andrà il mercato lui non vede Fabian Ruiz nei due di centrocampo e quindi il Napoli prenderà 2 giocatori in quel ruolo, uno di struttura e un altro che abbia la possibilità di impostare e lanciare lungo. L’attacco sarà il reparto meno toccato, bisogna vedere cosa succederà in difesa. La squadra è forte, piace a Spalletti e gli piace anche Insigne, al di là delle polemiche campate in aria. Su Totti e Icardi c’era la volontà dei club di chiudere. Bisogna solo capire se il Napoli vorrà tenere Insigne e se Insigne vorrà restare qui. Meret titolare l’anno prossimo? Senza dubbio. Molto probabilmente Ospina andrà via. Meret è uno dei giocatori che hanno patito di più i 18 mesi di Gattuso che sono terminati senza Champions. Ospina è andato bene e ha giocato bene ma Meret ha perso 18 mesi. O resta a Napoli da titolare o altrimenti sarebbe stato meglio andare via. Spalletti non lo definirei integralista, lui modella il gioco sui calciatori che ha. Avendo Osimhen e Lozano sicuramente imposterà il gioco su di loro perché danno profondità. Sono convinto che Osimhen farà molto bene, può fare 20 gol l’anno scorso. Spalletti mediaticamente ama litigare, fa il toscanaccio ma è un profondo conoscitore dei calcio. Certamente è stato uno di quelli che ha allungato la carriera a Totti, prima di litigarci. Turchia-Italia? Non sottovaluterei loro e non sopravvaluterei noi”.

A Radio Marte nel corso della trasmissione “Marte Sport Live” è intervenuto Tommaso Mandato, agente.
“Certamente tiferò per l’Italia, finalmente abbiamo un’Italia che ci ha fatto riavvicinare alla Nazionale. Mancini ha creato un gruppo che sembra davvero tanto attaccato alla maglia. Panchine Serie A? Bisogna vedere sul campo chi ha fatto l’affare migliore. L’allenatore è importante per riportare entusiasmo. Qui a Napoli il discorso è molto amletico, a me non piace molto tutto quello che sta succedendo con questo silenzio. Ci tiene all’oscuro sull’ultima partita e sul futuro, smorzando gli entusiasmi. Invece ora bisognerebbe trovare un feeling, presentare Spalletti a Napoli e non a Roma come si vocifera”.

 

Commenti