Gli interventi di Giuseppe Bisantis e Massimiliano Gallo a “Il Sogno Nel Cuore”

RaiGiuseppe Bisantis a “Il Sogno Nel Cuore” su 1 Station Radio: “In campo neutro l’Italia sarebbe stata favorita. Jorginho il migliore dei nostri. Occhio a Kane e Sterling

“L’Inghilterra giocherà in casa con sessantamila spettatori, nello stadio di Wembley: se fossimo stati su un campo neutro non avrei avuto dubbi sulla vittoria degli azzurri – queste le parole di Giuseppe Bisantis, giornalista cronista Radio Rai, ai microfoni de “Il Sogno Nel Cuore – Speciale Europei”, trasmissione condotta da Luca Cerchione in onda ogni sabato dalle 12:00 alle 13:00 su 1 Station Radio -. L’Italia ha fatto un grande Europeo, anche se contro la Spagna non abbiamo meritato. L’Inghilterra è in finale ma ha avuto un percorso più agevole; l’unica partita dura è stata quella contro la Germania che, però, era in fase calante. Sono stati molto fortunati a trovarsi dal lato del tabellone più semplice e che le ha consentito di giocare praticamente tutte le gare in casa, ma non c’è alcuna dietrologia. Domani arriveranno motivati perché, nonostante abbiano affrontato partite meno complesse delle nostre, vincere aiuta a vincere, dunque avranno il morale alle stelle. Questo torneo ha evidenziato i limiti dell’aver scelto la formula itinerante: lo stesso presidente della Uefa, Ceferin, ha sottolineato che non è stata una buona scelta. Altra cosa che proprio non mi piace è la questione dei cinque cambi, che poi diventano sei in caso di supplementari. Questo favorisce le squadre più forti, con la panchina più lunga, ma mi sa di gara amichevole. A Wembley ricordiamo le due storiche vittorie, una con gol di Fabio Capello e l’altra grazie a Gianfranco Zola. Rigori? Non sono solo una questione di fortuna, ma anche e soprattutto un fondamentale del calcio, su cui influisce anche l’aspetto psicologico del momento. L’uomo da temere? Si è svegliato Kane, ma con Chiellini e Bonucci non dovremmo avere problemi, così come accaduto con Lukaku. Sterling, forse, è un po’ più imprevedibile. Noi, invece, abbiamo un uomo in più che si chiama Jorginho. Covid in Gran Bretagna? Lì non si usano più le mascherine, fanno i tamponi rapidi anche per i tifosi. C’è una grande diffusione della variante Delta, ma non sono aumentati né i ricoveri né i morti. Il Governo inglese non è folle: se ha deciso che era possibile aprire lo stadio e addirittura eliminare le restrizioni a stretto giro è perché ha avuto riscontri rassicuranti dal punto di vista pandemico”.

Massimiliano Gallo a “Il Sogno Nel Cuore” su 1 Station Radio: “Ottima la scelta di Spalletti, con Insigne non ci saranno problemi. Zielinski delusione partenopea dell’Europeo

“Ho più ansia per la partita di Berrettini che per la finale dell’Europeo! Per la finale di Copa America, invece, penso che Messi si meriterebbe questa vittoria – queste le parole di Massimiliano Gallo, giornalista e direttore di www.ilnapolista.it, ai microfoni de “Il Sogno Nel Cuore – Speciale Europei”, trasmissione condotta da Luca Cerchione in onda ogni sabato dalle 12:00 alle 13:00 su 1 Station Radio -. Non sarà facile, però, per l’Argentina, visto che di fronte avrà un grande Brasile che ha riscoperto anche un ottimo Paqueta, bistrattato in Italia. Per quanto concerne la nostra Nazionale, gioca un bel calcio che, in parte, ha stravolto i canoni classici dello stile italiano, mostrando sprazzi di gioco spumeggiante. Alla fine, però, ciò che ci contraddistingue è sempre la fase difensiva, ed una nota di merito va a Chiellini e Bonucci. In questa manifestazione anche Chiesa merita una menzione. Delusione Napoli all’Europeo? Si dice Fabian, ma non ha giocato. Io dico Zielinski, perché ha giocato e non è riuscito ad andare oltre i suoi limiti, come sempre accaduto nella sua carriera. Per Adl questo Europeo non è stato positivo: nessuno dei nostri si è messo in mostra, ma credo che il presidente stia pagando l’errore di non vendere i calciatori dopo la stagione dei 91 punti. In piccolo, ha fatto lo stesso errore dell’Inter post-triplete. Gli azzurri che si sono messi in mostra sono stati Insigne e Di Lorenzo: per il capitano, però, essendo all’ultimo anno di contratto, non arriveranno offerte monstre. Un altro uomo che potrebbe avere mercato è Lozano. Emerson Palmieri? Sarebbe un ottimo innesto, ma va trovato prima un uomo da cedere. Spalletti? I toni pacati in conferenza sono stati voluti. Ogni tanto gli è scappata la frizione e ha dato qualche risposta piccata, lasciandoci intravedere il suo essere vulcanico che, probabilmente, vedremo in futuro. Darà alla squadra la consapevolezza del proprio valore e della propria forza, oltre che un bel po’ di esperienza. È uno che si fa volere bene dai suoi calciatori, al contrario di ciò che si dice: nella seconda esperienza a Roma ed all’Inter ha rotto con Totti e Icardi anche per volere della società. Se il Napoli ed Insigne troveranno un accordo, Spalletti sarà ben felice di avere il capitano a disposizione”.

Commenti