ANTEPRIMA PARTITA NAPOLI – VENEZIA

Tra due giorni riparte il campionato di serie A del Napoli, impegnato, in questa prima giornata con la matricola Venezia che ritorna nell’Olimpo del cacio italiano dopo quasi  20 anni di assenza. Si ricomincia dallo stadio Diego Armando Maradona, che per l’occasione ritroverà seppur al 50%, il pubblico sugli spalti.  La formazione azzurra, con Spalletti neo trainer, non si discosta molto da quella che ha chiuso la stagione scorsa. Non ci sono, infatti, solo Hysaj e Bakayoko, rispetto all’undici titolare di Gattuso. Anche il tecnico toscano, come il suo predecessore, è legato al modulo 4/2/3/1, per cui la squadra manterrà ancora questo sistema di gioco che è improntato tutto sulla velocità supersonica del nigeriano Osimhen. L’unica novità, vista l’assenza di Demme è rappresentato dal connazionale di Hamsik, Lobotka, rigenerato da Spalletti come uomo faro della zona mediana del campo. Mentre tra i pali ci sarà Meret, davanti al quale troveremo la coppia centrale difensiva composta da Koulibaly e Rrahmani, che prenderà il posto di Manolas, in odore di partenza. Ai lati bassi,  Di Lorenzo e Mario Rui. Ad affiancare lo slovacco ci sarà lo spagnolo Fabian Ruiz. Infine in avanti alle spalle dell’attaccante della Nigeria, le fasce esterne saranno ricoperte da Politano ed Insigne. In casa veneta l’allenatore Zanetti che adotta un 4/3/3 classico si affiderà, per quanto riguarda il reparto arretrato al portiere Maenpaa e ai difensori Ebuehi, Caldara, Ceccaroni e Schnegg. Tessmann, Peretz, Heymans formeranno il trio di centrocampo, mentre in attacco vedremo il tridente composto da Johnsen, Forte e Di Mariano. Di conseguenza ecco le probabili formazioni, in campo domenica a Fuorigrotta alle ore 20,45:

NAPOLI (4-2-3-1): Meret; Di Lorenzo, Rrahmani, Koulibaly, Mario Rui; Fabian Ruiz, Lobotka; Politano, Zielinski, Insigne; Osimhen. All. Spalletti

VENEZIA (4-3-3): Maenpaa; Ebuehi, Caldara, Ceccaroni, Schnegg; Tessmann, Peretz, Heymans; Johnsen, Forte, Di Mariano. All. Zanetti

Passiamo adesso alle statistiche di questa gara inaugurale. In verità sono pochi i precedenti tra le due compagini, infatti Napoli e Venezia, in passato si sono incontrate solo quattro volte, di cui il più vicino risale al campionato cadetto del 2003/04. In quella circostanza finì in parità come in altre due occasioni, una sola volta c’è stato un successo e fu dei lagunari che giocavano in casa. Inutile dire che i pronostici della vigilia sono tutti dalla parte degli azzurri, ma solo il campo sarà giudice inappellabile.

Commenti