Gli interventi di Giovanni Francini, Claudio Sala e Guglielmo Buccheri a Radio Marte

A Radio Marte nel corso della trasmissione “Marte Sport Live” è intervenuto Giovanni Francini, ex giocatore.
“Il terzino sinistro servirebbe, di fatto c’è solo Mario Rui nel ruolo. Abbiamo preso qualcosa ma se manca Mario Rui poi devi adattare un giocatore nel ruolo, poi c’è anche il punto interrogativo di Ghoulam: speriamo possa rientrare al più presto e che possa tornare a buoni livelli. Ha avuto delgi infortuni veramente grandi ma tornasse anche un po’ meno di quell’infortunio andrebbe bene.
Napoli-Torino? Bisogna scendere in campo con determinazione e voglia di vincere, la mentalità è quella giusta. Il Torino è una buona squadra ma un po’ di differenza c’è. Bisogna vedere come sono tornati i giocatori dalle Nazionali, anche se questo turno di sosta è un po’ diverso dalle altre.
Corsa Scudetto? Penso le milanesi, anche se il Milan forse ha mancanze nella rosa. Lazio e Roma sono più lontane ma possono far bene. La Juventus non muore mai ma quest’anno ci sono tante squadre che possono starle davanti, rimontarle tutte non sarà facile”.

A Radio Marte nel corso della trasmissione “Marte Sport Live” è intervenuto Claudio Sala, allenatore.
“Rispetto all’ultimo Napoli-Torino questo è un Napoli un po’ diverso. Nell’eventualità di una vittoria contro il Torino poi si guarderebbe cosa fanno quelli dietro. Torino finora a corrente alternata, qualche volta è inciampato su avversari alla portata. Squadra diversa con allenatore diverso, c’è la chance di fare un buon campionato.
Gli esterni di una squadra di calcio sono determinanti, chi ha i più bravi vince il campionato. Il Napoli è messo bene: Insigne è il re degli esterni, in quella zona il Napoli si trova bene. Robben e Ribery nel Bayern Monaco insegnano, hanno creato tutte le fortune”.

A Radio Marte nel corso della trasmissione “Marte Sport Live” è intervenuto Guglielmo Buccheri, giornalista.
“Il Torino non sta attraversando un momento molto fortunato per l’infermeria. Belotti verrà convocato, poi è chiaro che un conto è essere convocati e un conto è capire l’autonomia. Sanabria rientrerà all’ultimo ed è molto stanco, tornerà a disposizione anche Zaza, quindi prevedo una staffetta Zaza-Sanabria con Belotti in corso d’opera. Pjaca è fuori dai giochi chissà per quanto tempo, poche chance di vedere anche Praet. Bisogna verificare poi le condizioni di Rodriguez e Linetty. Conosciamo tutti i metodi di lavoro di Juric, che ha grande capacità di entrare presto nella testa dei giocatori. Questo era l’aspetto più vitale, il Torino doveva dare dei segnali di ripartenza. Oggettivamente il Torino ha una classifica un pochino bugiarda, non è da trascurare l’aspetto legato alle assenze però perché conta molto la profondità della rosa. Adesso sulla trequarti resta di fatto solo Brekalo, sarebbe stato bello e curiosi vedere il Toro con tutti gli uomini sulla trequarti. Ma sicuramente vedremo un Toro pronto alla battaglia. Vietato nascondersi o vietato sognare per il Napoli? Sicuramente la prima, anche perché in primavera immagino ancora 3-4 squadre potenzialmente in corsa per lo Scudetto e non vedo perché il Napoli non possa pensare di giocarsela lì”.

Commenti