LE INTERVISTE – Salernitana, Colantuono: “Spero che la prestazione dia consapevolezza. Dio ci conservi Ribery”

Stefano Colantuono, allenatore della Salernitana, parla così a DAZN dopo il derby perso di misura contro il Napoli: “Speriamo che la prestazione possa dare consapevolezza, la partita è stata buona. Abbiamo fatto quanto dovevamo, il Napoli palleggia con tutti e costringe ad abbassarti, non abbiamo però quasi rischiato nulla e dopo aver preso il gol potevamo pure rimetterla sul pareggio. Il campionato ce lo possiamo giocare, da queste situazioni devi riuscire a tirare fuori un risultato positivo ma per stasera ci teniamo la prestazione. Loro fanno possesso con tutti e so come lavora Luciano (Spalletti, ndr) perché anni fa ne ho seguito degli allenamenti alla Roma. Fisicamente devi accorciare e ricompattarti, volevamo non far iniziare l’azione a Koulibaly con Gondo che doveva togliere quella fonte di gioco. Siamo stati ordinati, non ricordo parate importanti del nostro portiere”.

Ribery è alla terza partita completa in una settimana.
“Avessimo avuto un punticino in più non guastava (sorride, ndr). Siamo aggrappati alla classifica, non vogliamo staccarci e rimanere vivi fino alla fine. Speriamo di aver capito che queste partite, al di là del valore oggi straordinario dell’avversario, vanno giocate. Ora andremo in casa della Lazio e dovremo fare come oggi. A Ribery la leadership non la do io, ma quello che lui ha attaccato dietro, la sua storia importante di campionati vinti e premi da miglior giocatore. Speriamo che il Signore ce lo conservi a lungo in queste condizioni, siamo molto aggrappati a lui”.

Il primo tempo vi ha dato consapevolezza?
“Nel secondo siamo entrati molto bene, dopo aver preferito concedere scarichi esterni per tutto il primo. Onestamente avevo preparato la partita con Osimhen, poi è cambiato il piano tattico essendoci Mertens ma abbiamo comunque proseguito su quel piano e direi che la squadra ha risposto bene”.

TuttoMercatoWeb.com

Commenti