LA PARTITA – Psicodramma Napoli, l’Empoli fa svanire il sogno scudetto: da 0-2 a 3-2, decisivo Pinamonti

Forse l’epilogo peggiore. Il Napoli si fa rimontare da un Empoli arrembante e mai domo: da 0-2 a 3-2, in otto minuti di totale follia. Prima Henderson e poi la doppietta di Pinamonti hanno cancellato una prestazione sufficiente e di gestione da parte degli uomini di Spalletti, il crollo mentale è stato incredibile, difficile anche da spiegare: il sogno scudetto svanisce definitivamente sul terreno inzuppato del Castellani.

Primo tempo in gestione, il Napoli avanti al 45′ grazie a Mertens

Probabilmente Spalletti sapeva benissimo il pericolo a cui stava andando incontro. Allo stesso tempo era a conoscenza anche del peso specifico della gara, per proseguire il sogno scudetto era necessario vincere contro l’Empoli dopo il ko con la Fiorentina e il pareggio con la Roma. L’approccio non è stato però dei migliori, coi padroni di casa subito pericolosi dopo appena tre minuti e con Pinamonti a centimetri dal gol del vantaggio. Il pericolo non ha dato la scossa a Insigne e compagni, imballati nel palleggio e incapaci di imporre il proprio ritmo: soltanto Osimhen – tra i più propositivi nei primi 20’ – ha tenuto in scacco la difesa toscana con un paio di tagli in area e due occasioni non sfruttate.

Prima di tirare un sospiro di sollievo gli uomini di Spalletti sono rimasti in apnea visto il ritmo imposto dai padroni di casa, pericolosi in diverse occasioni con Asslani e Verre. Alla fine i partenopei si sono appellati alla famosa legge del gol: alla prima occasione ci ha pensato Dries Mertens a girare in rete – con la complicità di Vicario – l’assist di Lozano.

Otto minuti di follia, il sogno scudetto diventa un incubo: l’Empoli vince 3-2

Il Napoli però ha sfruttato l’occasione arrivata al termine della prima frazione già dopo pochi minuti dall’inizio della ripresa. Decisivo il recupero di Anguissa a servire un Insigne arrivato sulla sinistra coi tempi giusti, il diagonale piazzato è stata quasi una soluzione scontata per il 2-0. La seconda rete ha praticamente anestetizzato il secondo terzo di sfida, col Napoli che ha sfiorato a più riprese il 3-0 con Insigne, servito da uno scatenatissimo Mertens.

Gli otto minuti di follia hanno però cambiato tutto l’andamento del match. L’errore di Malcuit, che ha portato al gol di Henderson, ha ribaltato una gara che sembrava essere già in cassaforte. Meret ha partecipato al pomeriggio da incubo facendosi scippare il pallone da Pinamonti, abile poi a ribadire in rete un suggerimento arrivato dalla destra, in contropiede. Si chiude una partita drammatica per il Napoli: Spalletti e i suoi salutano i sogni tricolori con un tracollo negli ultimi dieci minuti. E gli azzurri dicono addio allo Scudetto. Ancora una volta in terra toscana.

TuttoMercatoWeb.com

Commenti