Osimhen, offerta da 100 milioni dal Manchester United

Ecco quanto riportato da fanpage.it:

Cento milioni di euro. Magari anche qualcosa in più. In Premier League hanno abbastanza soldi da spendere da presentarsi nella bottega cara del Napoli per fare spese. Victor Osimhen è il calciatore che più di tutti solletica le emozioni e stuzzica l’interesse dei club inglesi. È giovane (ha 23 anni). Stazza e fisicità, dinamismo, furore agonistico, capacità di aggredire la profondità e staccare nelle mischie più furibonde in area, a costo anche di rimettersi un occhio della testa (gli è successo contro Skriniar), sono qualità che fanno dell’attaccante nigeriano una pedina ambita.

A corredo c’è anche il numero di gol segnati: 12 in 23 presenze in Serie A, uno ogni 143 minuti giocati al netto dell’infortunio che lo ha relegato dietro le quinte da fine novembre a metà gennaio; 4 in 5 match disputati in Europa League con una media di una rete ogni 80 minuti e il fiore all’occhiello della doppietta realizzata in casa del Leicester. Una prodezza che fu il migliore spot sotto gli occhi degli inglesi.

Arsenal e Newcastle avevano già bussato alla porta dei partenopei a gennaio. Addirittura sul tavolo dei campani era stata messa la più classica proposta indecente: 140/150 milioni di euro per cedere subito la punta africana e Fabian Ruiz, fu la tentazione folle paventata dai “Magpies” bianconeri. Aurelio De Laurentiis allora disse no, non poteva né voleva indebolire la squadra in corsa per lo scudetto e più ancora per la conquista di un posto in Champions. Perdere l’ex Lille in quel momento della stagione sarebbe stato un suicidio. Lasciarlo andare via in estate, con in tasca anche il tesoretto degli introiti di Coppa, permette di programmare il futuro e le prossime scelte muovendosi con largo e saggio anticipo.

Chi può far saltare il banco adesso è il Manchester United che avvierà a rifondazione con Erik ten Hag in panchina. I Red Devils ritengono Osimhen l’elemento da piazzare in cima un attacco che andrà rinnovato e potenziato considerata l’addio di Edinson Cavani, i guai di Mason Greenwood e l’incertezza stessa sul futuro di Cristiano Ronaldo. Victor, Rashford e Sancho… fa già abbastanza paura così. Nel quartier generale del Napoli, a Castel Volturno, c’è stato un primo contatto ed è stata molto più di una semplice manifestazione d’interesse: l’agente del calciatore (come riportato dal Corriere dello Sport) ha spiegato alla dirigenza qual è l’offerta ricevuta, quali sono i termini per aprire una trattativa e come al giocatore non dispiaccia un’esperienza in Inghilterra.

Chi prenderà il Napoli al suo posto? Non sarà l’unica casella da colmare visto che, dopo aver limitato le spese di mercato nella scorsa estate e chiesto a Spalletti di accontentarsi con quel che c’era a disposizione (salvo fare un paio di colpi a costi quasi nulli come Anguissa e Juan Jesus), dovrà fare scelte importanti per riaprire un ciclo e mantenere un buon livello di competitività. Gianluca Scamacca (23 anni) del Sassuolo e Giovanni Simeone (27) del Verona sono alcuni dei nomi che emergono mentre dall’estero i riflettori sono puntati su Armando Broja (21) colosso albanese di proprietà del Chelsea, attualmente in prestito al Southampton.

Commenti