Gli interventi di Gianni Ambrosino, Carlo Landoni e Michele Giugliano a Radio Crc

A Radio CRC, nel corso del programma “Si Gonfia La Rete” di Raffaele Auriemma, è intervenuto il giornalista Gianni Ambrosino.
“Oggi siamo in diretta dal ristorante, poi saremo con grandi ospiti in questa lunga maratona.
L’attesa è molto forte, si torna in Champions ed è un momento importante. Ci sono tanti nuovi non abituati a questi momenti, ma sono professionisti. Il pubblico deve essere una spinta per loro, l’emozione ci sarà ovviamente, ma l’entusiasmo può essere la carta vincente.
Spero che giochi Osimhen ma non sono molto convinto, comunque c’è Raspadori che è costato tanto ed è uno dei calciatori italiani maggiormente seguito. Avere la rosa di 20 giocatori significa anche poter rimpiazzare giocatori. Raspadori lo vedo favorito su Simeone, entrambi non hanno esperienza ma sono giovani e carichi, comunque mi auguro giochi Osimhen.
Gli incidenti avvengono in tutti gli stadi, qualsiasi cosa succede a Napoli diventa di cronaca nazionale. Io spero che non accada niente e ci sia un senso di responsabilità da parte di tutti, ma enfatizzare questi episodi credo sia peggio perché condiziona il clima della partita. Deve essere un evento sportivo all’insegna del divertimento, poi ci sarà sempre qualche cretino.
La mamma degli ignoranti è sempre incinta.
È difficile poter fare tutti i controlli, ma se si trova qualcuno che fa una cosa del genere bisogna dare dimostrazioni di forza a favore della legalità invece spesso accade che gli venga data solo l’impossibilità di andare allo stadio. Devono esserci pene severe: chi accoltella va in galera.
Di Lorenzo sembra un ragazzo molto appagato, sono contento che sia lui il capitano del Napoli.
Dovrebbero intervenire le autorità del calcio, le dichiarazioni di Commisso sono da multa. Il problema è che non ci sono giuste pene, perché se Commisso viene squalificato forse non rilascerà più dichiarazioni del genere”.

A Radio CRC, nel corso della trasmissione “Si Gonfia La Rete” di Raffaele Auriemma, è intervenuto il giornalista Carlo Landoni.
“Con le partite di Champions diventa tutto più complicato, mette tanta pressione, ma non dobbiamo sbagliare nulla.
È una grande serata per il Napoli che torna dopo 2 anni in Champions.
Osimhen dovrebbe esserci, c’è l’ultimo allenamento di rifinitura ma qui Spalletti è stato chiaro: il nigeriano dovrebbe stringere i denti, l’alternativa dovrebbe essere Raspadori.
Il Liverpool è tosto, ma il Napoli può dire la sua.
Le Premier League è una cosa, la Champions è tutt’altro. I risultati dicono che in Premier non sta andando bene, ma questa è una partita che da altre emozioni e mette una carica speciale ai giocatori. Credo che vedremo il Liverpool dell’anno scorso, ha grandi campioni come Alisson e Salah, c’è Darwin Nunez, inoltre ha giocato pochi mesi fa la finale di Champions.
Voglio ricordare che l’urlo “The Champions” fece tremare anche il Real Madrid di Cristiano Ronaldo, il pubblico può dare la carica ed è il dodicesimo uomo in campo ma alla fine è la qualità dei giocatori che fa la differenza. Se tu ti trovi contro squadre di questo tipo la spinta è importante, ma conta anche la personalità e la qualità tecnica dei giocatori”.

A Radio CRC, nel corso della trasmissione “Si Gonfia La Rete” di Raffaele Auriemma, è intervenuto il proprietario del ristorante Villa D’Angelo Michele Giugliano
“Oggi ci saranno 5 dirigenti del Liverpool, in più i responsabili Uefa e i dirigenti del Napoli. Mancherà il presidente, che non sarà nemmeno stasera allo stadio.
Ci hanno chiesto per il pranzo delle spigole di sale, in più abbiamo fatto delle torte con i loghi delle due squadre.
Hanno chiesto esplicitamente di stare fuori al terrazzo per godersi il panorama e la vista. A Liverpool avranno tante cose belle, ma la natura non ha regalato quello che abbiamo noi a Napoli.
L’arbitro spagnolo è venuto qui già due volte, ci vuole molto bene. Racconto un aneddoto: è stato al Circolo Savoia e ha chiesto esplicitamente di venire qui da me. Stasera uno dei due assistenti è una donna, tra l’altro molto carina, e sarà una delle poche volte che una donna dirigerà in Champions League.
Gli arbitri ieri si sono consolati, mentre stasera dopo la partita mi hanno chiesto un risotto alla pescatora.
Speriamo che il risultato sia favorevole a noi, per i sacrifici del presidente e per i tifosi del Napoli che meritano queste gioie”.

Commenti