Storica novità nel mondo arbitrale italiano – Maria Sole Ferrieri, prima donna a dirigere in serie A

Una grossa e storica novità nel mondo arbitrale italiano; Gianluca Rocchi, designatore dei fischietti nostrani, ha promosso la trentunenne livornese Maria Sole Ferrieri Caputo nella massima divisone del Belpaese. Domenica 2 ottobre, quest’ultima sarà la prima donna a dirigere una partita del nostro campionato. Farà il suo esordio al Mapei Stadium di Reggio Emilia per arbitrare il match tra Sassuolo e Salernitana. Del resto la novità era già nell’aria da qualche tempo ed ora è giunto il momento fatidico di metterla in atto. Dal canto suo il presidente dell’AIA, Trentalange  ha dichiarato  che il debutto storico della  Ferrieri Caputi non sarà una giornata banale ma una giornata da ricordare. La promozione della giovane arbitro toscana è meritatissima dall’alto delle grandi doti e della personalità dimostrate durante la gavetta nelle serie minori. Dopo ben 110 anni di calcio, arbitrato da soli uomini, adesso, stiamo per vivere un momento che passerà agli almanacchi della storia di questo sport. In parole povere l’esordio di Maria Sole segna l’inizio di una nuova era del nostro mondo arbitrale che si mette al passo delle altre nazioni europee come la Germania e la Francia che già da diversi anni hanno provveduto ad inserire nella lista degli arbitri delle donne. La più famosa direttrice di gara transalpina si chiama Stephanie Frappart che ha arbitrato per la prima volta nel 2014, in League 2, mentre nell’ agosto 2019 è stata la prima arbitro a dirigere una finale di Supercoppa UEFA di calcio maschile, nella partita Liverpool – Chelsea alla Vodafone Arena di Istanbul. In bocca al lupo, quindi, alla connazionale Maria Sole Ferrieri Caputo, la quale sicuramente aprirà le porte del calcio di serie A anche ad altre colleghe. 

Commenti