De Laurentiis: “Il calcio è malato, Governo sempre assente. Juve? Ci penseranno i magistrati”

“Il governo è sempre stato assente, benché il nostro gettito fiscale sia importantissimo. Una volta c’erano gli schiavi, voi credete che gli schiavi siano finiti? No, siamo tutti ancora schiavi, di una situazione chi più chi meno non piacevole. In casa, in ufficio, nella vita comune, nel non essere protetti in maniera fantastica, nel non essere dei pensionati felici. Molta gente soffre, non riesce ad arrivare a fine mese. Questa è una storia che è peggiorata ma che è sempre esistita. Quale è la panacea per far stare calmi e buoni tutti? Il calcio”. Lo ha detto il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis in riferimento alla richiesta del mondo del calcio al governo di poter rateizzare le tasse.

De Laurentiis, intervenuto al salone d’onore del Coni alla presentazione del volume Codice di Giustizia Sportiva Figc (edizioni Giuffrè Francis Lefebvre) dell’avvocato della Federcalcio Giancarlo Viglione, ha sottolineato: “Lo Stato non è stupido, lo Stato lo sa. Però lo ignora, perché altrimenti dovrebbe fare in modo che le leggi sulla modernizzazione del calcio si realizzassero in cinque minuti. Ci vuole pochissimo per cambiare il calcio, visto che è malato ovunque. I conti non tornano”. E ha poi aggiunto: “Il calcio è malato dall’alto. Perché quando uno non vuol capire che non ci sono sufficienti risorse per poter andare avanti con questa tipologia di campionati, e non si vuole fare la rivoluzione copernicana perché poi bisogna essere rieletti, questo è un problema di tutti quelli che sono sottoposti a rielezione. Nel mondo della politica, dell’industria, dei sindacati e dello sport. Nel mondo dello sport purtroppo la sorveglianza è latente e la volontà di voler modificare e crearsi delle antipatie è difficile trovarla”.

De Laurentiis non ha voluto commentare la vicenda giudiziaria che coinvolge la Juve. “Non ne parlo. Ci penseranno i magistrati, che stanno verificando. Non è compito mio, ma mi dispiace che il calcio, ma non è solo un problema italiano, non sia poi portatore sempre di quei valori che dovrebbero essere d’esempio per le nuove e le giovani generazioni”.

Gazzetta.it

Commenti