Missione Callejon: “Felice per la mia stagione,ho lavorato per me e per i compagni. Per lo scudetto…”

CallejonEsultanzaNapoli_SSCNIn attesa dell’esito del ricorso avverso alle due giornate a porte chiuse, il Napoli ha stabilito che domani pomeriggio (h.17.45) la squadra sosterrà l’allenamento di rifinitura al San Paolo con ingresso libero nel settore distinti. Fino ad esaurimento posti, ovviamente. Sarà quello il momento del saluto finale alla squadra. L’idea è scattata anche per evitare assembramenti davanti al San Paolo domenica notte da parte di coloro che non potranno accedere allo stadio perchè così stabilito dal giudice sportivo. Si prevede quindi un abbraccio collettivo tra pubblico e protagonisti in campo più che un allenamento vero e proprio. Per l’happening di sabato sono previsti migliaia di fan desiderosi di esternare il loro ringraziamento a chi si è battuto su più fronti con grande dignità e conquistando la Coppa Italia. Tra questi, il gruppo di calciatori provenienti dal campionato spagnolo, voluti da Benitez e che al primo impatto si sono comportati egregiamente: Higuain, Reina, Albiol e Callejon. Di questo poker d’assi, l’unico sicuro di scendere in campo con il Verona è Josè Maria Callejon, autore di quattordici gol in campionato, due in Champions, tre in Coppa Italia. « Sono molto felice per la stagione disputata – ha detto Callejon ai microfoni di Tg3 Campania – Ho lavorato per far bene sul piano personale ma anche per la squadra. L’anno prossimo sarà difficile ripetersi ma spero di fare altrettanto bene. Cercheremo di puntare allo scudetto anche se va considerato positivo questo campionato. Non era facile tenere il passo da record di Juventus e Roma. La convocazione al Mondiale? Ci speravo ma non era facile. La Spagna ha tanti campioni ed io spero che vincano il titolo» Ieri Benitez ha ordinato una seduta mattutina. Poi, pomeriggio libero. Probabile che molti di coloro che sono stati convocati per Brasile 2014 vengano risparmiati. Intanto, Hamsik, Higuain, Behrami lamentano lievi acciacchi e già sanno di non dover giocare con il Verona. Probabile che resti fuori anche il portiere Reina. Spazio tra i pali, quindi, a Colombo o Doblas. In difesa, dovrebbero fermarsi anche Fernandez ed Albiol a favore di Mesto e Britos. Sugli esterni, invece, Maggio e Zuniga hanno bisogno di giocare per entrare in condizione. A centrocampo, Radosevic aspira ad una maglia da titolare, magari al fianco di Jorginho, dal momento che i tre svizzeri dovrebbero essere risparmiati. Spera di fare l’esordio a gara in corso anche il giovane Romano, 18 anni, centrocampista, già convocato per la gara con la Samp insieme all’altro giovane Lassicki, 18 anni, polacco,difensore centrale. In attacco, Goran Pandev, sette gol in questa stagione, rimpiazzerà Marek Hamsik al centro del tridente alle spalle della prima punta. Callejon occuperà il ruolo di esterno destro mentre a sinistra ballottaggio tra Insigne, che lamenta un piccolo risentimento, e Mertens. In avanti, conferma meritatissima per Duvan Zapata al posto di Gonzalo Higuain. I quattro attaccanti faranno a gara a chi riuscirà a mettere a segno il centesimo gol stagionale. Per ora il Napoli è fermo a quota novantanove. Anche Mertens ci tiene ad arrivare in doppia cifra. Il belga è fermo a nove reti che pure è un bottino affatto disprezzabile per un neo arrivato. Zapata, invece, pur non giocando tanto è andato a bersaglio in tre competizioni: Champions (1), Europa League (1) e campionato (3) ed anche lui ci tiene a chiudere in bellezza per strappare magari la riconferma per l’anno prosimo.

Corriere dello Sport

Commenti