Behrami-Amburgo: inizia l’avventura tedesca, con alle spalle una bellissima esperienza

Che avesse conquistato il San Paolo con il suo piglio da inesauribile guerriero, beh era sotto gli occhi di tutti, però forse soltanto ieri è stata davvero chiara la misura dell’affetto e della stima del popolo azzurro nei confronti di Valon Behrami. Il Napoli conferma la cessione del giocatore svizzero all’Amburgo – per 5 milioni di euro – e in un attimo il web si trasforma in un grande, immenso libro di dediche e saluti. Dal sapore amaro.
Dall’Italia alla Germania. Dal mare del Golfo alle acque dell’Elba: un salto niente male, per Valon il guerriero. Uno che, sul suo profilo Twitter, mercoledì aveva postato la copertina di un album del rapper made in Usa, 50 Cent, con l’immagine di un leone e la traccia-messaggio: “Don’t worry ‘bout it”. Una canzone e una foto che aprono a mille suggestioni. A proposito: il titolo dell’album è Animal Ambition; il sottotitolo tradotto: un selvaggio desiderio di vincere.

L’esigenza. Ambizione, diversità di opinioni e voglia di essere ancora protagonista altrove: ecco cos’ha spinto Behrami a lasciare il Napoli a 29 anni, dopo un ottimo Mondiale. A dirla tutta, al rientro dalle vacanze post-Brasile, Rafa gli aveva spiegato di voler ancora puntare su di lui ma, come ha ribadito ieri De Laurentiis, Bera aveva illustrato altre esigenze. Anche tattiche. Scelta rispettabile, ci mancherebbe: grazie di cuore e auf wiedersehen.

Visite e firma. Sì, da ieri è il tedesco la lingua ufficiale. Sono Amburgo e la Bundesliga, la casa e la nuova dimensione: volo, incontro con l’ad Beiersorfer, ex difensore della Reggiana, e visite mediche alla Uniklinik Hamburg-Eppendorf. Responso: un leone. Che Napoli non dimenticherà: due parentesi in Europa League; la Champions; la finale di Supercoppa italiana a Pechino; la conquista della Coppa Italia 2014; due campionati e 70 partite a correre e a lottare in azzurro. Poi, la firma: amburghese fino al 2017.
Totem con Mazzarri, non con Rafa: un cambiamento radicale concluso con la parola fine. E con uno splendido messaggio di saluti della sua consorte, Elena: «Cambio di rotta, ma alle spalle una bellissima avventura. Un grazie a Napoli per la sua solarità, il suo affetto e i suoi colori vivaci. E’ stata una bellissima esperienza che porterò con me».

Corriere dello Sport

Commenti