Duttilità e velocità: ecco il profilo di De Guzman, il mediano nel mirino degli azzurri

Canada, Olanda, Spagna, Inghilterra per poi tornare ancora in Spagna. Con un probabile futuro in Italia. Certo che di chilometri questo giocatore, che il Napoli ha messo nel mirino per il suo centrocampo, ne ha fatti veramente tanti. E a quanto pare non solo in mezzo al campo dove è solito macinarne parecchi.
Stiamo parlando di Jonathan De Guzman calciatore di origini canadesi ma di nazionalità olandese. Di padre filippino e madre jamaicana, nasce a Toronto nel 1987 e cresce calcisticamente nella squadra del North Scarborough. Ma a dodici anni, per seguire le orme del fratello maggiore Julian che era andato a giocare nel settore giovanile dell’Olympique Marsiglia, si trasferisce, dopo un provino, in Europa nel settore giovanile del Feyenoord. Qui fa tutta la trafila delle giovanili fino a quando nel 2005, tre giorni dopo il compimento del suo diciottesimo compleanno, esordisce in prima squadra contro l’Heerenveen. Durante la permanenza in Olanda e precisamente nell’estate del 2008, rimane clamoroso il suo mancato passaggio al Manchester City che aveva già trovato l’accordo sia con il giocatore che con il Feyenoord. Ma alla fine è la stessa società olandese che decide di trattenere il giocatore. Dopo ben 123 presenze, 25 reti e 22 assist passa, da svincolato al Maiorca nel 2010 dove colleziona 37 presenze, 6 gol e 6 assist. Nell’estate del 2011 passa al Villareal, che lo acquista per 8,5 milioni di euro. La stagione seguente viene quindi ceduto allo Swansea City: il club gallese preleva il giocatore in prestito oneroso per due stagioni, al termine delle quali il giocatore è tornato al Villareal. Con i gallesi de Guzman ha segnato 15 reti in 93 partite circa tra campionato e coppa conquistando la Coppa di Lega 2012-2013.
Nel 2008, a differenza del fratello Julian che scelse di giocare per il Canada, De Guzman sceglie di giocare con la nazionale olandese. Viene convocato prima nell’Under-21 con cui ha all’attivo 15 presenze e 6 reti e poi il 6 febbraio del 2013 esordisce, proprio contro l’Italia, con la nazionale maggiore. Mette insieme 13 presenze e viene convocato anche per Mondiali del 2014. Dove è sceso in campo alla partita d’esordio contro la Spagna, contro l’Australia e nella finale del terzo posto contro il Brasile.
Carriera quindi importante con dei numeri importanti. Ma alla carta di identità calcistica dell’olandese vanno aggiunte altrettante importanti caratteristiche tecniche: è un jolly capace di giocare in diverse posizioni: centrocampista centrale, trequartista, esterno destro offensivo e si fa valere anche in fase di interdizione. Quindi poliedrico e duttile tatticamente. Dotato inoltre di ottima tecnica e molto abile a impostare il gioco. Bravo nei calci piazzati nei quali può far valere la sua discreta capacità realizzativa.
L’identikit di De Guzman quindi porta a pensare che potrebbe veramente essere lui il rinforzo tanto atteso per il centrocampo di Benitez. Il valore del cartellino non è elevato e si studiano le formule per l’operazione di trasferimento. Il Napoli vede nel giocatore olandese il colpo importante per tassellare la rosa.
Benitez apprezza le sue qualità e lo considera un giocatore con caratteristiche importanti e complementari agli altri giocatori del reparto. Il calciomercato estivo è pronto a dare un’ulteriore risposta. Il Napoli ha messo nel mirino De Guzman e chissà che non sarà proprio lui il prossimo colpo targato De Laurentiis.

gianlucadimarzio.com

Commenti