Undici reti al passivo in sette partite: il problema è la difesa

Il saldo è negativo: -1. Vale a dire che dopo sette partite ufficiali disputate tra campionato e coppa il Napoli ha subito undici reti segnandone dieci. Lo scorso anno dopo due gare di Champions e cinque di campionato il saldo era +9 (16 fatte, sette subite. La difesa ha fatto crack. E sta mancando negli uomini più importanti. Lo scorso anno si diceva che Albiol avesse fatto crescere tantissimo Fernandez. Un giocatore rigenerato al punto da meritarsi la convocazione in nazionale e la possibilità di disputare da protagonista il mondiale brasiliano. Un uomo ovunque Albiol. Una difesa a quattro nella quale lo spagnolo era onnipresente. Con lui accanto Koulibaly sarebbe esploso. Ed invece sembra il contrario. È Koulibaly, con tutto il suo essere diamante grezzo che sta facendo più bella figura dello spagnolo apparso l’ombra del giocatore insuperabile che fu la scorsa stagione. E proprio Albiol e Koulibaly sono gli uomini più utilizzati di questo Napoli. Benitez li ha sempre schierati nelle sette partite ufficiali fin qui giocate. «Il primo gol in maglia azzurra – ha detto Koulibaly, a segno dopo una manciata di secondi – è stato davvero emozionante ma quel che conta è vincere. È stata una partita difficile, il Palermo ha giocato in ripartenza. Dobbiamo giocare meglio, metterci più cuore, dobbiamo anche essere più solidi». 

Il Mattino

Commenti