Il graffio di Corbo: “Quello sguardo tra Higuain e Hamsik”

Manca solo il parere del Torino. Domenica sera può essere archiviata la crisi precoce del Napoli. Inutile chiedersi se il Napoli abbia giocato con rivali modesti. In Europa come in Italia: ci sono poche grandi squadre in un immenso deserto arido.
Più dei gol, la tv consegna una splendida scena. Hamsik lancia di interno sinistro per quel cervellone di Higuain che segna il secondo. È entrato da un minuto ma è giù lucido e spietato. Il difensore, ingenuo, guarda la palla e non Higuain. Salta a vuoto. Si può?
Con lo sguardo Higuain cerca Hamsik che corre dalla sinistra ad abbracciarlo. Non sono i soliti balzi dissenati dopo i gol. I due in un attimo si dicono mille cose: l’uno ritrova l’altro, e il Napoli ritrova due giocatori di grande qualità. Sono scene che aprono alla speranza in una stagione cominciata al buio, ma una luce forte in fondo al tunnel si vede.
Lascio poche note per ampliare il dibattito.
1) Rafael con una uscita debolissima a vuoto e una stupida respinta torna in discussione. E rimanda un tema: Andujar possibile che valga meno dell’attuale Rafael? Se così, si può sapere chi ha convinto il parsimonioso De Laurentiis a comprarlo?
2) Mertens vale un quarto quando entra subito. È egoista. Higuain lo guarda severo. Cerca il gol e peggio per lui non lo trova né lo merita. È per ora da staffetta. Nel finale, con ritmi bassi e maglie difensive larghe, accelera e travolge con un rombo da scooter. Nel primo tempo sembra in sella alla bici. Per fortuna quel gran signore di Benitez non ha mai scaricato Insigne. Gli ha dato ogni possibilita di recupero, ed il monello di Frattamaggiore è da preferire.
3) De Guzman vale poco da esterno alto. Troppo impreciso. Meglio Mesto dietro e Maggio più avanti quando riposa Callejon.
4) Ghoulam è il primo sponsor di Britos. L’ha reso insostituibile. Ghoulam è peggiorato ai mondiali. Bell’affare. Come non averlo in difesa.
Il Torino e poi la sosta. Ragazzi, ci siamo.

Antonio Corbo per Repubblica.it

Commenti