Sassuolo, Di Francesco: ”Ho sempre creduto in questo risultato”

REGGIO EMILIA – Eusebio Di Francesco è il primo allenatore ad aver bloccato la Juve in campionato dopo sei vittorie consecutive. 1-1 al Mapei Stadium grazie alle reti di Zaza e Pogba.

“GRANDE ATTEGGIAMENTO” – Ai microfoni di Sky Sport l’allenatore emiliano ha commentato: “Risultato sorprendente? No, io ci credevo. Anche se i valori erano differenti credevamo in questo risultato senza essere remissivi e sapendo che bisognava soffrire quando. Abbiamo avuto un grande atteggiamento e una grande voglia. Sono contento per questa squadra e per la sua predisposizione al sacrificio”.

“PUNTAVO A LEVAR LORO SPAZI CENTRALI” – Avete cambiato modulo appositamente per questa partita? “Con la Juventus se avessimo giocato con gli esterni aperti avremmo avuto difficoltà. Io cercavo di togliergli queste giocate centrali, magari dando più spazio alle loro mezzali e abbiamo avuto ragione. Non abbiamo voluto sacrificare un uomo su Pirlo e alla fine abbiamo avuto ragione”.

“LA NAZIONALE AVEVA SCARICATO ZAZA” – “Noi lottiamo per la salvezza – ha aggiunto Di Francesco – e non possiamo perdere le caratteristiche di lottare insieme e soffrire, pur senza togliere la qualità che abbiamo e che dobbiamo continuare ad avere”. Su Zaza: “La sua prima convocazione in Nazionale invece di galvanizzarlo gli ha tolto energia, è tornato scarico, mentre questa volta è tornato con la testa giusta e in campo l’ha dimostrato. Deve comunque migliorare, a esempio sull’episodio dell’ammonizione di oggi poteva evitare di prenderla”.

Simone Zaza ai microfoni di Sky Sport ha così commentato la sua prova: “Spero di continuare così. Noi sappiamo che la forza della nostra squadra è l’attacco e quando siamo in forma possiamo dare fastidio alle grandi squadre come abbiamo fatto l’anno scorso. L’importante è trovare equilibrio. Quest’anno abbiamo subito troppi goal, ma il gruppo è più unito, per cui speriamo di trovare l’equilibrio giusto per il resto del campionato”.

sassuolo calcio

serie A
Protagonisti:
eusebio di francesco
Fonte: Repubblica

Commenti