– Corbo: “Mazzarri-Frustalupi, un gesto sincronizzato come due sulla spiaggia di Licola mentre la barca affonda”

ANTONIO CORBO, giornalista editorialista di Repubblica, è intervenuto a “NAPOLI MAGAZINE”, trasmissione radiofonica dedicata al Calcio Napoli, che approfondisce i temi sul Calcio Napoli proposti da NapoliMagazine.com, in onda dal lunedì al venerdì, dalle 14.30 alle 16.00, su Radio Punto Zero, con Michele Sibilla e Antonio Petrazzuolo in conduzione, per il consueto punto sugli azzurri. Ecco quanto ha affermato: “Di Benitez non mi convince il fatto che vengono ripetuti gli stessi errori ed invece dovrebbe arrivare il momento di far capire a tutti che proprio nei minuti finali, per venire all’attualità, bisogna dare il massimo, essere ancora più cattivi ed invece gli azzurri sembravano spettatori incantati di Milano Moda. Se una volta tanto qualcuno dicesse “non si torna a casa, andiamo direttamente a Berna per preparare la gara di Europa League”, invece di lasciare libertà di movimento, forse, cambierebbe qualcosa. Higuain è un caso a parte e quando si arrabbia e comincia a protestare significa che non sta bene. Hamsik è un caso speciale perché a parole vuole vincere lo scudetto e rimanere a vita a Napoli mentre con i fatti entra in campo e non lo vedi. Mazzarri ha fatto bene a non presentarsi in sala stampa perché si sarebbe scontrato con la domanda “si assolve o si condanna” senza sapere le decisioni della società. Sinceramente non ho capito il gesto sincronizzato di Mazzarri e Frustalupi dalla panchina dell’Inter, mentre davano indicazioni ai propri giocatori: sembravano due sulla spiaggia di Licola, mentre davano istruzioni al labrador tuffatosi in mare per salvare i naufraghi da una barca che stava affondando. Non sono d’accordo che, considerato questo inizio di stagione, era meglio tenersi Mazzarri perché questa rosa è più debole rispetto all’anno scorso e Benitez avrebbe dovuto imporre alcune scelte come la conferma di Pepe Reina. Con il portiere spagnolo il Napoli non avrebbe mai preso i due gol subiti a Milano. Rafael ha margini di miglioramento ma non credo abbia quelle qualità tipiche dei portieri italiani ed europei.  Provare Andujar potrebbe avere il sapore della bocciatura per il portiere brasiliano. Solo due italiani su ventotto in campo domenica? Lo straniero ha sempre più fascino e può ingannare anche meglio ed i tifosi sono più ben disposti verso gli stranieri che nei confronti degli italiani. Se il calcio è business aspettiamoci sempre meno calciatori indigeni, se invece, è ancora uno sport, quindi programmazione e senso di appartenenza, potrebbe invertirsi la tendenza, ma vi do un consiglio: non illudetevi. La visita di Conte a Castel Volturno? Non ne capisco il motivo, gli italiani sono solo Insigne, Maggio, Mesto e Colombo e tra questi sono il primo ha maggiori possibilità di essere preso in considerazione”.

 

Commenti
avatar

Tilde Schiavone

Sono una persona che riesce a star bene con se stessa solo se intorno a lei c' è armonia, questo è il motivo per cui cerco di risolvere i conflitti esistenti tra le persone che mi circondano;non amo i gioielli, specialmente quelli costosi, preferisco gli accessori di poco valore; non amo ricevere in regalo i fiori recisi: preferisco ammirarli nei giardini dove compiono il loro naturale ciclo vitale e non nei vasi dove hanno vita breve..Amo il blues,il canto del dolore, e il mio sogno è raggiungere un giorno quei luoghi che lo hanno visto nascere; Amo gli indiani d' america, la loro spiritualità e la loro cultura. non vivrei senza i dolci e la pizza. Sono campanilista, napolista, meridionalista ...maradonista. Adoro gli animali, ritengo che non siano loro le bestie e sono vegetariana. Non mi piace parlare, quel che sento preferisco scriverlo, so esprimermi meglio con una penna in mano anziché dinanzi a un microfono, amo inoltre il folclore della mia terra e cerco, attraverso l' Associazione Culturale Fonte Nova d cui sono Presidente, di preservarlo e diffonderlo ... e duclis in fundo AMO LA MIA NAPOLI, senza se e senza ma, ringrazio Dio perchè ha fatto sì che nelle mie vene scorresse il sangue del Sud!