Il graffio di Corbo: “La rivincita di Benitez”

Il Napoli riprende quota anche in Europa League. In una serata che Benitez farà bene a dedicarsi. Ha gestito il lento progresso dei giocatori in ritardo, alcuni ancora turbati dalle fatiche mondiali.
Il puntiglioso Benitez dimostra che il turnover non solo è legittimo. Ma una necessità per dare riposo a chi è stanco, quindi un’opportunità per chi aspetta il suo momento. Come De Guzman che ha riscattato l’incerto avvio con una tripletta. Giocando al posto di Hamsik, non uno qualsiasi, proprio il leader in crisi.
Azzardo una ipotesi per conciliare un inizio di stagione molto deludente e questo netto riprender quota. Sarebbe interessante se chiarisse il dubbio proprio Benitez.
L’anno scorso vi fu una partenza velocissima: 28 punti nelle prime 10 gare di campionato, contro i 18 attuali. Sorprese allora la preparazione molto blanda.
Nella scorsa estate il Napoli l’ha cambiata. L’ha resa più intensa. Adueguata al campionato italiano. Se l’ipotesi è corretta, si spiegano gli affanni di settembre e ottobre ma anche il rifiorire recente della squadra.
Il Graffio, per merito dei suoi numerosi referenti, ha mostrato una lungimiranza ed un equilibrio che i risultati stanno premiando.Ho letto interventi prudenti che dovrebbero far arrossire i più tronfi opinionisti.
Non ritiro le critiche alla campagna acquisti, però. La bravura di Benitez meritava qualche sacrificio. È mancato il coraggio di credere nello scudetto e nelle richieste del professore anglo-spagnolo di calcio.
Bisogna aspettare con fiducia il presidente, adesso. De Laurentiis avrà notato gli spalti vuoti. Quel disamore è anche il segno di un solco che ha creato tra sé e i tifosi in una estate contraddittoria.
Una raffinata mente finanziaria non può ignorare gli effetti di una conduzione finora non condivisa. De Laurentiis deve cambiare stile e volumi di gestione. Non barricarsi nella presunzione di sapere tutto e più degli altri.
Se De Guzman inventa una tripletta, passando dal nulla al trionfo, anche De Laurentiis rifletta: può e deve riconquistare la credibilità del presidente carismatico. Le prossime mosse saranno decisive: per sé e per il Napoli- Vediamo.

Antonio Corbo Blog

Commenti