NEWS

Hamsik: “Anche dopo la sosta forniremo grandi prestazioni. Ci sono grandi margini di miglioramento”

AVANTI COSI’. E allora, la voce del capitano. Virtuale, perché diffusa attraverso il suo blog ufficiale, ma comunque forte e chiara: «Abbiamo centrato una vittoria molto preziosa» Nonostante lo sconforto per l’infortunio di Insigne: messaggi di solidarietà da parte di tutta la squadra, per il giovane talento azzurro, compreso quello di Marek. In privato. La partita, dicevamo: «Abbiamo vinto contro un avversario molto duro. Difficile da affrontare e da battere: per fortuna ci siamo riusciti». Brindisi e via a festeggiare il terzo posto in perfetta solitudine: la rimonta continua. «Sì». E il Napoli non ha alcuna voglia di fermarsi sul più bello. Parola di Hamsik: «Sono convinto che dopo la sosta per gli impegni delle Nazionali continueremo con queste grandi prestazioni».

BRAVO NETO. Gli otto risultati utili consecutivi in campionato, frutto di tre pareggi e cinque vittorie, hanno gradualmente rilanciato gli azzurri. «Siamo felici di aver ripreso a marciare su questi ritmi, siamo in forma: il terzo posto è importante, ma alla ripresa dovremo insistere». Cagliari avvertito. E nel frattempo, sotto con la correzione delle ultime imperfezioni: la difesa, da sempre il punto debole del Napoli, è imbattuta da tre partite di fila (Roma, Young Boys e Fiorentina), ma anche ieri gli azzurri sono incappati in un’imprecisione eccessiva davanti al portiere. Pericolosa, pericolosissima tendenza: aggiustare il tiro, please. In tutti i sensi. Vero Marek? Al 60’, dopo un movimento super e un dribbling mega, Neto ha fatto un figurone faccia a faccia con il capitano: «Penso di aver tirato nel modo migliore possibile, ma lui ha aspettato fino alla fine ed è riuscito a deviare in angolo». Giusto il tempo di mettersi le mani nella cresta e disperarsi un attimo, e poi via a festeggiare il gol di Higuain. Nato proprio da una sua idea per la fuga sulla fascia di Maggio. Danni limitati.

LA RINASCITA . Hamsik, insomma, non si nasconde. E anzi insiste con un’autocritica decisamente costruttiva: «Abbiamo creato tante buone occasioni» Che andavano capitalizzate meglio. «E nel finale probabilmente siamo un po’ calati». Ci sta, l’importante è aver imparato a soffrire. «Sì, è la cosa più importante è che al novantesimo è arrivata la vittoria» Contro un avversario di qualità: il Napoli si è dimostrato superiore, individualmente e collettivamente, però la doppietta Roma-Fiorentina è il segnale più positivo che potesse arrivare. E’ il culmine della rinascita dopo la crisi post-Verona.

EUROMAREK. Da ieri, nel frattempo, Hamsik è in ritiro in Slovacchia con la propria Nazionale. E anche lui, come tutti gli altri azzurri d’Europa, sarà impegnato in una doppia passerella in pochi giorni: gara di qualificazione a Euro2016 in programma sabato in trasferta a Skopje con i padroni di casa della Macedonia, e poi martedì 18 novembre amichevole a Zilina, in casa, con la Finlandia. Marek, ovviamente, esibirà la fascia di capitano.

Corriere dello Sport

Commenti
Segui il canale PianetAzzurro.it su WhatsApp, clicca qui