Mollichelli: “Napoli, che sfortuna per Insigne! Callejon? Un vanto per lui, mi intriga Ayew”

ADOLFO MOLLICHELLI, noto giornalista sportivo, è intervenuto a “NAPOLI MAGAZINE”, trasmissione radiofonica dedicata al Calcio Napoli, che approfondisce i temi sul Calcio Napoli proposti da NapoliMagazine.com, in onda dal lunedì al venerdì, dalle 14.30 alle 16.00, su Radio Punto Zero, con Michele Sibilla e Antonio Petrazzuolo in conduzione, per il consueto punto sugli azzurri. Ecco quanto ha affermato: “La sfortuna che si è accanita su Insigne è davvero maledetta proprio nel momento della sua definitiva consacrazione e con le porte spalancate della Nazionale. Gli auguro di tornare ancora più forte di prime. Conoscendo un poco Conte, credo dica il vero quando definisce “uno come gli altri” Balotelli. Credo che più che una mano tesa al giocatore, sia subentrata anche qualche ragione politica come lo sponsor e non mi dite che non è vero. Purtroppo, essere costretti a chiamare un attaccante che gioca all’estero e che non sta per niente facendo faville, ci dà l’esatta dimensione del livello del calcio italiano, d’altronde se vediamo la classifica cannonieri è difficile se non impossibile trovare un bomber italiano. Tra i tanti nomi fatti per la sostituzione di Insigne è difficile individuarne uno capace di fare quanto stava facendo Insigne. Non credo molto ai cavalli di ritorno perché non portano ai risultati sperati. Mi intriga Ayew dell’OM, che potrebbe ben incastrarsi nel puzzle di Benitez. La convocazione di Callejon è un motivo di vanto, ma non dimentichiamo che il Napoli era già molto ben rappresentato agli ultimi Mondiali”.

Tilde Schiavone – Pianetazzurro.it

 

Commenti
avatar

Tilde Schiavone

Sono una persona che riesce a star bene con se stessa solo se intorno a lei c' è armonia, questo è il motivo per cui cerco di risolvere i conflitti esistenti tra le persone che mi circondano;non amo i gioielli, specialmente quelli costosi, preferisco gli accessori di poco valore; non amo ricevere in regalo i fiori recisi: preferisco ammirarli nei giardini dove compiono il loro naturale ciclo vitale e non nei vasi dove hanno vita breve..Amo il blues,il canto del dolore, e il mio sogno è raggiungere un giorno quei luoghi che lo hanno visto nascere; Amo gli indiani d' america, la loro spiritualità e la loro cultura. non vivrei senza i dolci e la pizza. Sono campanilista, napolista, meridionalista ...maradonista. Adoro gli animali, ritengo che non siano loro le bestie e sono vegetariana. Non mi piace parlare, quel che sento preferisco scriverlo, so esprimermi meglio con una penna in mano anziché dinanzi a un microfono, amo inoltre il folclore della mia terra e cerco, attraverso l' Associazione Culturale Fonte Nova d cui sono Presidente, di preservarlo e diffonderlo ... e duclis in fundo AMO LA MIA NAPOLI, senza se e senza ma, ringrazio Dio perchè ha fatto sì che nelle mie vene scorresse il sangue del Sud!