Riportare la gente allo stadio, è questa la prossima sfida degli azzurri

La prossima sfida è riempire di nuovo il San Paolo, svuotato dai passi falsi di inizio stagione e rimasto semivuoto addirittura in occastadio sione del trionfale duello al vertice dello scorso primo novembre con la Roma. Il Napoli ha fatto in pieno la sua parte in campo, ripetendosi pure in Europa League con lo Young Boys e soprattutto nella temuta trasferta di campionato a Firenze: dovrebbe essere abbastanza scontata, dunque, la ressa ai botteghini per la gara di domenica 23 novembre contro il Cagliari (alle 15). Ma a De Laurentiis dev’essere venuto il dubbio che c’entri pure la crisi economica, sull’esodo quasi senza precedenti dallo stadio di Fuorigrotta. Si spiega così la decisione presa dal presidente azzurro di tagliare in maniera drastica i prezzi dei biglietti, che saranno in vendita da oggi. Le curve costeranno 10 euro, i Distinti 20, la Nisida 35, la Posillipo 45. Si tratterà in qualche modo anche di un test: se i 50 mila non tornano nemmeno così, infatti, il dodicesimo uomo resterà solo un bel ricordo del passato e un’utopia per il futuro. Gli ultimi mesi hanno messo a dura prova la antica legge del San Paolo, dove negli anni d’oro gli 80 mila erano addirittura la regola. Il brusco calo di questa stagione era stato anticipato dal flop della campagna abbonamenti: al minimo storico di 8.500. Il dato relativo alla vendita dei biglietti non è stato però migliore. Lo s’è infatti riempito abbastanza (45 mila paganti) solo per il deludente esordio interno in campionato contro il Chievo. Poi è iniziata la caduta verticale, appena culminata nel primato negativo (12 mila presenze) per la sfida di Coppa con lo Young Boys: giocata quattro giorni dopo l’exploit a Fuorigrotta contro la Roma. Quella notte di malinconia deve aver aperto gli occhi a De Laurentiis, spingendolo ad abbassare i prezzi. D’accordo sul disamore, ma c’entra di sicuro pure la crisi economica: dato che adesso il Napoli ha rialzato la testa e sta tornando l’entusiasmo. È assai probabile che ci sia anche un deficit di soldi, oltre che di passione. La sfida contro il Cagliari arriva al momento giusto per fare chiarezza sulla fuga dal San Paolo. Stamattina riaprono i botteghini, in saldi: per il dodicesimo uomo è l’ora della verità.

La Repubblica

Commenti