Juventus, vogliono tutti Pogba. Anche l’Arsenal si mette in fila

TORINO – Come abbiamo anticipato giovedì, c’è anche l’Arsenal su Paul Pogba, già osservato speciale di Real Madrid, Bayern Monaco, Psg, Chelsea e Manchester City. Secondo il Daily Express i Gunners sono infatti pronti a pareggiare l’offerta che a detta del Daily Mail starebbero preparando i Citizens: 50 milioni di euro. Il quotidiano portoghese A Bola indica inoltre nel brasiliano 27enne Ramires, sempre più ai margini del Chelsea di Mourinho, il centrocampista individuato dai bianconeri per l’eventuale sostituzione del Polpo Paul. Forte del rinnovo dell’enfant prodige fino al 2019, la Juve osserva la bagarre e i rumors senza particolari apprensioni. In caso di una cessione estiva illustre, in vetrina però c’è soprattuto Vidal. A meno che non sia lo stesso Pogba a chiedere alla Signora una separazione all’insegna del più classico dei “c’eravamo tanto amati”.

Intanto Juventus-Sampdoria è già cominciata. Giovedì sera la società bianconera si è riunita alla Reggia di Venaria per il tradizionale scambio di auguri di Natale. La squadra si è però limitata a una toccata e fuga. Aperitivo, antipasto e alle 21.30 già batteva in ritirata, alla luce della collocazione prandiale dell’anticipo domenicale (ore 12.30) contro i blucerchiati. Oggi Buffon e colleghi si sono tarati sul “fuso orario” della sfida contro la quarta forza del campionato allenata da quel Mihajlovic che la Juve, prima di virare su Allegri, aveva scelto come successore ideale di Conte: ritrovo a Vinovo alle 9.30, seduta in palestra, video-analisi dei blucerchiati e  allenamento prevalentemente tattico all’ora in cui solitamente ci si siede a tavola. Domani si replica.

La formazione bianconera sembra fatta per nove undicesimi, e per cinque undicesimi è sotto diffida (Marchisio, Lichtsteiner, Bonucci, Ogbonna e Pogba in caso di giallo saltano la trasferta di giovedì 18 dicembre a Cagliari, anticipo con vista sulla Supercoppa italiana di lunedì 22 in Qatar contro il Napoli). Niente turnover: Lichtsteiner tornerà a destra, Ogbonna rimpiazzerà lo squalificato Chiellini al fianco di Bonucci, a centrocampo agirà il trio Marchisio-Pirlo-Pogba, con Vidal in posizione di trequartista. Resta da decidere chi tra Morata e Llorente affiancherà Tevez dal primo minuto. Gli ultimi exit poll danno in leggero vantaggio il più esperto Fernando, in rimonta sul giovane connazionale Alvaro che rischia dunque la settima panchina consecutiva, con buona pace dei 20 milioni spesi in estate per strapparlo al Real Madrid. L’altro ballotaggio è tra Evra e Padoin (favorito). Quest’ultimo oggi ha risposto alle domande twittate dai tifosi juventini: ha elencato i momenti più belli del suo film in bianco e nero (“la vittoria del primo scudetto, l’ultimo titolo, quello dei 102 punti, l’esordio in Champions League contro il Celtic a Glasgow e il successo per 2-1 sull’Inter a San Siro, per i nostri tifosi una partita speciale che io giocai da titolare”), si è detto contento della qualifica di jolly (“una definizione che mi piace, la duttilità è importante”), pur preferendo “giocare a centrocampo come mezz’ala”. Sotto l’albero il 30enne Padoin vorrebbe trovare un trofeo: “Sì, la Supercoppa sarebbe un gran bel regalo di Natale”.

juventus

serie A
Protagonisti:
Fonte: Repubblica

Commenti