De Giovanni: “Napoli, 2° posto possibile, non amo Britos ma la colpa sul gol è di Rafael”

degiovanniMAURIZIO DE GIOVANNI, scrittore e giallista di culto, è intervenuto a “NAPOLI MAGAZINE”, trasmissione radiofonica dedicata al Calcio Napoli, che approfondisce i temi proposti sul web da NapoliMagazine.Com, in onda dal lunedì al venerdì, dalle 14.30 alle 16.00, su Radio Punto Zero, condotto da Michele Sibilla e Antonio Petrazzuolo. Ecco quanto ha affermato: “Innanzitutto credo sia giusto dire anche che il cammino incerto della Roma ha permesso al Napoli, che al contrario, sta trovando continuità, di recuperare e sperare in obiettivi che fino ad un mese fa erano insperati. Oggettivamente e l’abbiamo sempre sostenuto, le coppe, in particolare la Champions, spremono le energie che, giocoforza, paghi in campionato. Poter correre dietro una lepre, avendola a portata di mano, consente di avere quella determinazione feroce che stiamo vedendo in queste settimane, che ti permette da un lato di sperare nel secondo posto e dall’altro mettere a distanza di sicurezza le pretendenti al terzo. Così come abbiamo criticato il mercato estivo dobbiamo avere l’onestà intellettuale di fare i complimenti agli operatori di mercato del Napoli, di aver fatto un ottimo lavoro a gennaio. Di Gabbiadini è inutile rimarcarne la qualità e le qualità, di Strinic conoscevamo poco e, sinceramente, è una bellisssima sorpresa. Se si riuscisse in estate, a piazzare un colpo anche sulla fascia destra, credo che il Napoli si ritroverebbe con una batteria di esterni di primissima qualità. Maggio, per quello che ha dato e per quanto sta ancora dando, lo terrei. Sono convinto che un giocatore che arriva a gennaio ha sempre bisogno di tempo, tranne le eccezioni come Strinic, quindi non mettere la Roma nel mirino, con tutti i giocatori che ha perso per infortunio, sarebbe un errore gravissimo. Britos, nonostante i suoi limiti, non ha alcuna responsabilità sul gol subito a Verona, è solo colpa di Rafael”.

 

Commenti

Questo articolo è stato letto 402 volte

Tilde Schiavone

Sono una persona che riesce a star bene con se stessa solo se intorno a lei c' è armonia, questo è il motivo per cui cerco di risolvere i conflitti esistenti tra le persone che mi circondano;non amo i gioielli, specialmente quelli costosi, preferisco gli accessori di poco valore; non amo ricevere in regalo i fiori recisi: preferisco ammirarli nei giardini dove compiono il loro naturale ciclo vitale e non nei vasi dove hanno vita breve..Amo il blues,il canto del dolore, e il mio sogno è raggiungere un giorno quei luoghi che lo hanno visto nascere; Amo gli indiani d' america, la loro spiritualità e la loro cultura. non vivrei senza i dolci e la pizza. Sono campanilista, napolista, meridionalista ...maradonista. Adoro gli animali, ritengo che non siano loro le bestie e sono vegetariana. Non mi piace parlare, quel che sento preferisco scriverlo, so esprimermi meglio con una penna in mano anziché dinanzi a un microfono, amo inoltre il folclore della mia terra e cerco, attraverso l' Associazione Culturale Fonte Nova d cui sono Presidente, di preservarlo e diffonderlo ... e duclis in fundo AMO LA MIA NAPOLI, senza se e senza ma, ringrazio Dio perchè ha fatto sì che nelle mie vene scorresse il sangue del Sud!