David Lopez: “All’inizio non è stato facile, ora sto molto bene qui: i tifosi sono fantastici”

Coppa Italia- Napoli-Inter  david lopez

In un’intervista concessa a “Diario La Grada“, il centrocampista spagnolo David Lopez ha ripercorso questi suoi primi mesi all’ombra del Vesuvio. Ecco quanto tradotto da NapoliToday: “Quest’estate non pensavo di lasciare l’Espanyol. Sarei rimasto tranquillamente un’altra stagione. Poi, però, la società aveva la necessità di effettuare una cessione ed io ho avuto l’opportunità di calarmi in una realtà di primo livello in Europa. Non potevo dire no, ci abbiamo guadagnato tutti. Non dimentico, però, l’Espanyol e spero un giorno di tornare. E’ una squadra che mi ha fatto crescere molto, come uomo e come calciatore. Ora sto molto bene al Napoli, ho cinque anni di contratto e sto vivendo una nuova esperienza e tante emozioni”.

Per Lopez le prime settimane in Italia non sono state facilissime: “L’inizio non è stato per niente facile. Sono arrivato in un momento complicato, con la squadra che era appena stata eliminata dalla Champions League. I tifosi si aspettavano un acquisto di nome. Si era parlato molto di Mascherano e di altri calciatori famosi. Ho dovuto lottare contro tutte le critiche e sono andato avanti soprattutto grazie alla vicinanza di mia moglie Andrea. Dopo tutto è andato bene. Abbiamo vinto la Supercoppa, siamo terzi in classifica, ancora in gioco in Europa League ed in semifinale di Coppa Italia, dove speriamo di conquistare la finale. I compagni mi hanno aiutato molto ad integrarmi nella squadra ed in questa città fantastica. Nello spogliatoio si parla lo spagnolo: lo staff tecnico, calciatori spagnoli e sudamericani. Tra di noi parliamo in spagnolo, tranne per i discorsi con il Mister, che parla sempre in italiano. Sono incantato dalla città di Napoli: mi piace il cibo, i posti”.

Quello che ha sorpreso molto David in positivo è soprattutto il tifo napoletano: “A Napoli la gente vive per il calcio. Per la strada, nei bar, nei ristoranti, si parla sempre di calcio. E’ una vera passione. La nostra tifoseria è incredibile. Pensano solo alla squadra e a sostenerla. Anche nello stadio più lontano del Nord Italia, ci sono sempre tanti nostri tifosi. E’ qualcosa di sublime”.

Tra gli obiettivi di Lopez, in futuro, potrebbe esserci anche una convocazione nella nazionale spagnola, così come avvenuto di recente per il suo compagno di squadra Callejon: “E’ sicuramente un sogno, chi non ci pensa. Ora, però, non è una mia priorità. Lavoro con il Napoli per arrivare il più lontano possibile. Un giorno, chissà, potrei ottenere una chiamata dalla nazionale. Nel mio ruolo ci sono giocatori fantastici nella Spagna. Sarà complicato, ma lotterò per riuscirci”.

Commenti